Agropirateria: la sfida per la difesa dell’autenticità e dell’economia enogastronomica italiana

Claudia Rapparelli  | 27 Nov 2023  | Tempo di lettura: 2 minuti
spaghetti precotti

Il 24 novembre si è concluso il prestigioso Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione organizzato da Coldiretti, un evento che ogni anno catalizza l’attenzione di esperti, appassionati e professionisti del settore. Tra gli innumerevoli incontri e le diverse esposizioni che hanno caratterizzato questa edizione, una in particolare ha suscitato un interesse notevole. Si tratta di un’esposizione che ha messo in evidenza un tema cruciale e spesso sottovalutato nel settore enogastronomico: la contraffazione del Made in Italy. Un banco espositivo, allestito proprio per l’occasione, ha presentato una vasta gamma di prodotti venduti all’estero con l’etichetta “Made in Italy”, ma che, in realtà, non rispettano i criteri e gli standard che definiscono l’autenticità e la qualità di questa prestigiosa denominazione. Questo momento ha offerto uno spunto di riflessione importante, sollevando questioni riguardo l’integrità, la protezione e il valore del brand enogastronomico italiano nel mondo.

La sfida della contraffazione nel settore enogastronomico italiano

italian food

In un contesto globale dove l’enogastronomia italiana è celebrata per la sua inimitabile qualità e tradizione, emerge un fenomeno preoccupante: la diffusione di prodotti spacciati per italiani all’estero. Questa pratica non si limita solo a generi alimentari come il vino e l’olio extravergine d’oliva, notoriamente rappresentativi dell’eccellenza italiana, ma si estende anche ai piatti serviti nei ristoranti e ai prodotti pronti disponibili nei supermercati. È sorprendente constatare come molti di questi prodotti vengano commercializzati con l’etichetta “prodotto in Italia” o “secondo la ricetta italiana“, quando in realtà sono ben lontani dall’essere autentici. Questa situazione non solo inganna i consumatori, ma mina anche l’integrità del patrimonio enogastronomico italiano, un pilastro fondamentale dell’identità culturale e economica del paese. La lotta contro la contraffazione di questi prodotti diventa così una questione centrale per preservare la reputazione e l’autenticità del marchio Made in Italy nel mondo.

L’emergente problema dell’agropirateria nel panorama enogastronomico italiano

Coldiretti pone l’accento su un tema di crescente rilevanza e preoccupazione nell’ambito dell’enogastronomia italiana: l’agropirateria. Questo fenomeno, che si configura come una vera e propria contraffazione dei prodotti agroalimentari, rappresenta una minaccia tangibile non solo per l’economia italiana, ma anche per l’immagine del paese a livello internazionale. Con un valore stimato che ha raggiunto i 120 miliardi di euro, l’agropirateria non è più un fenomeno marginale, ma una problematica economica di ampia portata. Questo illecito commerciale, che vede la vendita di prodotti spacciati per italiani ma privi di qualsiasi autenticità, non solo danneggia i produttori onesti e le economie locali, ma degrada anche il valore intrinseco del marchio Made in Italy, simbolo di qualità e tradizione nel mondo. La risposta a questo problema richiede un impegno congiunto e strategie efficaci da parte delle istituzioni, dei produttori e dei consumatori, per garantire la protezione e la valorizzazione del patrimonio enogastronomico italiano.

Claudia Rapparelli
Claudia Rapparelli


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur