Alle porte di Ferrara nasce un aglio così delicato che non ti sembrerà nemmeno di mangiarlo

PaesidelGusto  | 27 Apr 2024  | Tempo di lettura: 2 minuti
Aglio di Voghiera DOP

Immagina di passeggiare tra le fertili campagne dell’Emilia-Romagna, tra distese di verde e profumi che danzano nell’aria. È qui, tra le terre feconde del Basso Ferrarese, che nasce uno dei tesori più profumati e apprezzati della cucina italiana: l’Aglio di Voghiera DOP.
Ma cos’è esattamente questo prezioso bulbo e perché merita un posto d’onore sulle tavole di tutto il mondo?

Una eccellenza DOP, garanzia di qualità e origine

L’Aglio di Voghiera è una vera eccellenza italiana, riconosciuta e tutelata con il marchio DOP (Denominazione di Origine Protetta). Questo significa che ogni bulbo è coltivato secondo rigidi standard di produzione, garantendo qualità, genuinità e provenienza.
Questa tipologia di aglio deve infatti venire dalle terre del comune di Voghiera e delle frazioni confinanti appartenenti ai comuni di Ferrara, Masi Torello, Portomaggiore, Argenta, dove il terreno e il clima creano le condizioni perfette per far crescere un aglio unico nel suo genere.
Il bulbo, del calibro minimo di 30 millimetri (40 per la I categoria) appare esternamente di colore bianco, con bulbilli evidenti; lo stelo, di colore biancastro, appare di consistenza più fragile; le radici di colore avorio.

Il profumo e il sapore della tradizione

Aglio di Voghiera DOP
Aglio di Voghiera DOP
Ciò che rende l’Aglio di Voghiera così speciale è il suo profumo intenso e il suo sapore delicato e aromatico. Ogni bulbo è una piccola bomba di gusto, capace di arricchire qualsiasi piatto con la sua presenza decisa ma non invadente. Ecco perchè rientra tra le migliori tipologie di aglio d’Italia. È l’ingrediente segreto di molte ricette tradizionali emiliane, alle quali conferisce quel tocco di autenticità e genuinità che solo un prodotto di qualità può dare.

Come si ottiene l’aglio di Voghiera DOP

La semina avviene dal 15 settembre al 15 novembre. Le giornate particolarmente soleggiate al momento della raccolta favoriscono il processo di essiccazione, necessaria per ottenere la tipologia di aglio secco. L’aglio di Voghiera essiccato è quello destinato alla conservazione e al consumo durante tutto l’anno.
È possibile commercializzarlo nelle versioni fresco o verde, semisecco, secco. Quest’ultimo è il prodotto che presenta lo stelo e la tunica esterna del bulbo, nonché la tunica che avvolge ciascun bulbillo completamente secchi.

PaesidelGusto
PaesidelGusto


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur