Baccalà a Natale: tradizioni, ricette e consigli per la scelta del pesce festivo preferito dagli italiani | Paesi del Gusto

Baccalà a Natale: tradizioni, ricette e consigli per la scelta del pesce festivo preferito dagli italiani

Claudia Rapparelli  | 15 Dic 2023  | Tempo di lettura: 2 minuti
Baccalà

Il cenone di Natale è una tradizione profondamente radicata nella cultura italiana, un’occasione in cui le famiglie si riuniscono attorno a tavole imbandite con le più svariate delizie. Tra le varie specialità che non possono mancare c’è il baccalà, un piatto che incarna la tradizione e il sapore delle festività natalizie. Il baccalà è un ingrediente che richiede una preparazione attenta e anticipata. Per poter essere gustato al meglio, infatti, deve essere lasciato in ammollo per alcuni giorni per eliminare l’eccesso di sale. Questa fase di dissalazione è cruciale e richiede un cambio frequente dell’acqua per garantire che il pesce mantenga la sua consistenza e il suo sapore caratteristico.

Varietà e segreti del baccalà

Le ricette che vedono protagonista il baccalà sono numerose e variano da regione a regione, riflettendo le diverse tradizioni culinarie italiane. Alcuni lo preferiscono in umido, cucinato lentamente in un ricco sugo di pomodoro con olive e capperi. Altri optano per una fresca insalata di baccalà, arricchita con ingredienti come cipolle, prezzemolo e peperoni. Il baccalà fritto è una variante amata per la sua croccantezza e il suo gusto deciso, mentre la versione al forno offre una preparazione più delicata e raffinata del piatto. La scelta del baccalà nei mercati e nelle pescherie è un’arte che richiede attenzione e conoscenza. È fondamentale distinguere il baccalà dallo stoccafisso, che è merluzzo essiccato e non sotto sale. Un buon baccalà si riconosce dalla pelle, che dovrebbe avere una colorazione che va dal grigio al verde fino al bianco. Inoltre, il prezzo è un indicatore importante: un costo troppo basso può segnalare una qualità inferiore del prodotto.

baccalà fritto

Tradizione di sapore, cultura e condivisione

L’acquisto del baccalà nei giorni che precedono il Natale è una vera e propria tradizione, con le pescherie che diventano luoghi affollati e vivaci, dove si avvertono l’atmosfera festiva e l’attesa del grande evento. È un’occasione per scambiare ricette, consigli e per condividere la passione per la buona cucina. Il baccalà non è solo un piatto, ma un elemento che racconta storie di mare, di viaggi e di scambi culturali. Originario delle acque fredde del Nord Atlantico, il baccalà è arrivato nelle cucine italiane grazie ai commerci marittimi e si è radicato nella tradizione culinaria del Paese, diventando un simbolo delle festività natalizie. Questo piatto rappresenta una scelta di cuore per il cenone di Natale, un piatto che unisce tradizione e gusto, e che continua a deliziare le generazioni. Che sia in umido, fritto, al forno o in insalata, il baccalà è una testimonianza della ricchezza e della varietà della cucina italiana, un vero e proprio regalo gastronomico che ogni famiglia si scambia durante le feste.

Claudia Rapparelli
Claudia Rapparelli


Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur