Budello origanato

Condividi con:

Tecnologia di preparazione: l’intestino grasso del suino, subito dopo l’uccisione, viene accuratamente lavato con acqua e sale, condito e messo ad asciugare. Da ogni suino si ottengono tre-quattro cavi da ottanta-novanta centimetri. Viene usato crudo o più spesso cotto, in particolare con le fave a primavera. E’ la versione siciliana del beverello laziale e del ciarimbolo marchigiano.

Composizione:
a) Materia prima: budello di suini allevati localmente.
b) Coadiuvanti tecnologici: sale (venti-venticinque grammi per ogni cavo) e origano a volontà.
c) Additivi:

Maturazione: in locale fresco e ventilato per circa due settimane.

Periodo di stagionatura: tre-quattro mesi in cantina.

Area di produzione: comune di Nicosia, provincia di Enna.