Canestrato Pugliese DOP: perfetto sulla bruschetta, ancora di più sulle orecchiette

Aurora De Luca  | 05 Gen 2024  | Tempo di lettura: 3 minuti
canestrato pugliese

Nel cuore dell’incantevole Puglia, terra di colori e sapori unici, si nasconde un gioiello della gastronomia locale: il Canestrato Pugliese DOP. Questo formaggio, che affonda le sue radici nel XV secolo, è legato indissolubilmente alla tradizione pastorale della regione, in particolare all’area della Murgia e del Tavoliere delle Puglie​​.

Tradizione e produzione: un sapore antico

Il processo produttivo del Canestrato Pugliese DOP, tutelato fin dal 1985 come DOC e dal 1996 come DOP, riflette la sua storia millenaria. Ottenuto da latte di pecore locali, principalmente della razza Gentile di Puglia, viene coagulato a una temperatura massima di 45° e successivamente stagionato in canestri di giunco, chiamati “fiscelle”, realizzati da artigiani locali. La stagionatura, che può durare da 10 giorni a 30 mesi, avviene in ambienti freschi e scarsamente ventilati, dove le forme vengono rivoltate e spazzolate per garantirne la qualità​​.

Riconoscimenti: un formaggio d’eccellenza

canestrato pugliese
Credit / www.formaggio.it

La sua denominazione DOP è un riconoscimento della qualità e dell’autenticità del Canestrato Pugliese, che lo distingue come uno dei formaggi più pregiati della regione. Questo riconoscimento tutela non solo il sapore e la tradizione di produzione, ma anche l’unicità del territorio pugliese da cui proviene.

Proprietà organolettiche e nutritive: un formaggio ricco e nutriente

Con un contenuto calorico di 351 calorie per 100g nella sua versione giovane e 375 calorie nella forma stagionata, il Canestrato Pugliese è ricco di minerali e calcio, rendendolo un alimento ideale per bambini, sportivi e anziani. La sua digeribilità e il suo apporto nutrizionale lo rendono un formaggio da consumare con moderazione, data la sua ricchezza in lipidi​​.

Abbinamenti vinicoli: l’armonia dei sapori

Il suo gusto pungente e stagionato si abbina perfettamente con vini intensi e corposi, come i rossi Chianti DOCG o il Salice Salentino DOC. Per la versione giovane, si consigliano vini bianchi o rosati secchi come il San Severo bianco o il Rosa del Golfo. Questi abbinamenti esaltano le note fruttate e il sentore di burro del formaggio, creando un’esperienza gastronomica indimenticabile​​.

Tre idee di ricette: creatività in cucina


Credit / www.formaggio.it

  1. Orecchiette con Canestrato Pugliese: Una classica pasta pugliese, le orecchiette, condite con un sugo ricco e il Canestrato grattugiato.
  2. Insalata di Sedano, Pere e Canestrato: Un piatto fresco e leggero, perfetto per l’estate.
  3. Bruschetta con Canestrato e Pomodori Secchi: Un antipasto semplice ma ricco di sapore, dove il Canestrato si fonde con la dolcezza dei pomodori secchi.

Questo formaggio rappresenta una delle tante gemme culinarie della Puglia, una regione che continua a sorprendere e deliziare i palati di tutto il mondo con i suoi prodotti di eccellenza.

Scopri su Paesi del Gusto altri imperdibili Prodotti Tipici!

Immagine di copertina: Credit / www.formaggio.it

Aurora De Luca
Aurora De Luca


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur