Carciofo di Castellammare

PaesidelGusto  | 10 Gen 2019  | Tempo di lettura: < 1 minuto

Nome geografico abbinato: di Castellammare

Sinonimi e/o termini dialettali: Violetto di Castellammare, carciofo di Schito

Regione: Campania

Provincia/e: Napoli

Territorio interessato alla produzione: Area vesuviana, in particoar modo il comune di Castellammare, in particolare la località detta Schito

Descrizione sintetica prodotto: Carciofo inerme ossia privo di spine, con infiorescemze apicali grosse e globose, colore delle brattee diffusamente rosato che tende a sfumare nel violetto. Il ricettacolo fiorale è ampio e carnoso

Produzione in atto: a rischio

Descrizione delle metodiche di lavorazione, condizionamento, stagionatura: è a maturazione precoce. La produzione si concentra nel periodo compreso tra febbraio e metà maggio, mentre la “Mammarelle” ( le infiorescenze apicali) si raccolgono a febbraio-marzo.

Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione:

Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive: La precocità di questo ortaggio è ricordata in diversi manuali di agricoltura risalenti all’epoca borbonica, dove si parla del primaticcio di Castellammare e, appunto del fatto che veniva raccolto già in primavera.

Costanza del metodo di produzione oltre 25 anni: SI

Fonte: Mappatura dei Prodotti Tipici e Tradizionali 2005 – Regione Campania, Settore Se.SIRCA.

PaesidelGusto
PaesidelGusto


Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur