C’è un nuovo tesoro UNESCO in Italia: ecco qual è

Marianna Di Pilla  | 08 Lug 2024

È una delle aree naturali più affascinanti del Veneto, e secondo noi è uno di quei viaggi in Italia da fare almeno una volta nella vita (specie se ami il vino e l’enogastronomia).

I Colli  Euganei hanno recentemente ricevuto un riconoscimento significativo da parte dell’UNESCO, essendo stati iscritti nella lista delle Riserve Mondiali della Biodiversità. Questo prestigioso riconoscimento sottolinea l’importanza del territorio non solo per la sua bellezza paesaggistica e geologica, ma anche per il suo ruolo nella promozione di uno sviluppo sostenibile.

Caratteristiche dei Colli Euganei

Colli Euganei

I Colli Euganei si caratterizzano per il loro originale profilo geologico, essendo colline di origine vulcanica che emergono isolatamente dalla Pianura Padana. Questa particolarità geografica crea un ambiente eccezionalmente vario e ricco di biodiversità.

L’area è rinomata per i suoi centri termali storici, che sfruttano le acque geotermiche prodotte dall’attività vulcanica sotterranea. Queste terme sono state apprezzate fin dall’epoca romana e continuano a essere un forte richiamo turistico.

La regione è circondata da una lussureggiante pianura agricola, dove si coltivano vigneti e uliveti che producono vini e oli di eccellente qualità.

Che cosa comporta il riconoscimento UNESCO

Il riconoscimento da parte dell’UNESCO non solo conferma l’importanza ecologica e culturale dei Colli Euganei, ma apre anche nuove opportunità per lo sviluppo sostenibile attraverso il turismo ecologico e le iniziative di conservazione.

Viene promossa un’intensificazione degli sforzi nella protezione dell’ambiente, con particolare attenzione alla conservazione delle specie endemiche e alla promozione delle pratiche agricole sostenibili.

Le autorità locali e regionali, insieme agli stakeholders del Parco Regionale dei Colli Euganei, stanno pianificando di utilizzare questo riconoscimento per lanciare nuove iniziative che includano progetti di promozione turistica e educativa.

Il riconoscimento aumenta la visibilità internazionale dei Colli Euganei, stimolando un turismo più consapevole e rispettoso dell’ambiente, che può contribuire economicamente alla regione senza danneggiarne l’integrità ecologica.

L’inclusione dei Colli Euganei nella rete delle Riserve Mondiali della Biodiversità UNESCO non è dunque solo un onore, ma anche una responsabilità. È un invito ad un impegno rinnovato per la conservazione e la valorizzazione di questo prezioso patrimonio naturale.

Marianna Di Pilla
Marianna Di Pilla


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur