Cosa vedere a Ravenna in un giorno, l’itinerario più semplice da seguire

Condividi con:

Quando si parla di Ravenna il pensiero va inevitabilmente ai suoi splendidi mosaici.
La città romagnola, infatti, è conosciuta in tutto il mondo per le sue bellezze artistiche, uno splendido patrimonio: il più ricco di mosaici e dichiarati dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.

Un aspetto che rende Ravenna unica è la grande presenza di questi complessi architettonici compresi tutti in un’area, visitabili in un giorno anche a piedi – o in bicicletta –.

Non solo mosaici, però: Ravenna è nota anche per essere la città che ha ospitato Dante Alighieri, il sommo poeta di cui quest’anno ricorrono i 700 anni dalla morte, e in cui è possibile visitare la sua tomba.
La città romagnola, inoltre, è piena di vie in cui poter assaporare la movida e gustare le splendide pietanze tipiche.

In questa guida vi illustreremo l’itinerario più semplice da seguire per visitare tutte le bellezze di questa città.

Cosa vedere a Ravenna in un giorno: la tomba di Dante e la zona del silenzio

Come detto, Ravenna, ospitò Dante Alighieri dopo l’esilio da Firenze e negli ultimi anni della sua vita. Qui terminò la sua Commedia: la città riconosce al sommo poeta un grande tributo, dedicandogli perfino una porzione del centro storico, famoso come Zona del silenzio, che ha come punto focale proprio la tomba di Dante.

L’idea, dell’architetto Giorgio Rosi, era quella di progettare un’area di pace e silenzio, non toccata dal traffico cittadino. In questa zona è possibile visitare importanti monumenti legati al padre della lingua italiana: il Quadrarco di Braccioforte, un cortile tra la tomba di Dante e la Basilica di San Francesco, in cui durante la Seconda Guerra Mondiale furono custodite le spoglie del Poeta; la Basilica di San Francesco; il complesso monumentale degli Antichi chiostri francescani, sede del Museo Dante e, ovviamente, la tomba di Dante, un tempietto neoclassico costruito nel 1780.

Cosa vedere a Ravenna in un giorno: Cripta Rasponi e giardini pensili

Alle spalle della Tomba di Dante è possibile visitare la Cripta Rasponi con i suoi giardini pensili.
Per accedere alla cripta si passa dal giardino interno, si può vedere una torre neogotica, entrando invece è possibile vedere il pavimento creato con la giustapposizione di più frammenti di mosaici provenienti dalla Chiesa (andata distrutta) di San Severo a Classe.

Uscendo dalla cripta, salendo qualche gradino si possono ammirare i giardini pensili dal cui è terrazzo è possibile godere di una suggestiva vista del centro della città.

Cosa vedere a Ravenna in un giorno: i monumenti Unesco, i mosaici

Una visita della città non può prescindere da un tour attraverso il sito Unesco Patrimonio dell’Umanità: Ravenna vanta ben otto monumenti sotto questa denominazione e sono di una bellezza mozzafiato.

Gli otto tesori che testimoniano la storica grandezza di Ravenna, eletta per tre volte Capitale (dell’Impero Romano d’Occidente, da Teodorico re dei Goti e, infine, dell’Impero di Bisanzio in Europa), sono:

  • Basilica di San Vitale
  • Basilica di Sant’Apollinare Nuovo
  • Museo Arcivescovile (Cappella di Sant’Andrea e Cattedra d’avorio)
  • Battistero Neoniano
  • Mausoleo di Galla Placidia
  • Mausoleo di Teodorico
  • Basilica di Sant’Apollinare in Classe
  • Battistero degli Ariani

È possibile acquistare un biglietto cumulativo per visitare i primi cinque siti – il Mausoleo di Teodorico, la Basilica di Sant’Apollinare in Classe e il Battistero degli Ariani sono visitabili gratuitamente – online o direttamente nelle biglietterie dei siti del Museo Arcivescovile o della Basilica di Sant’Apollinare Nuovo.
Tra i mosaici più suggestivi e dalla bellezza che vi lascerà senza parole, vi è sicuramente quello sulla volta del Mausoleo di Galla Placidia: un cielo blu, coperto di stelle, esaltato dall’illuminazione che proviene, soffusa, dalle finestre del complesso.

La bellezza e unicità di queste opere risiede non solo nella meticolosità artigianale che ha permesso la creazione di autentiche opere d’arte attraverso la giustapposizione di tessere minuscole e dai colori più svariati ma anche dalla testimonianza che portano con sé: la città era un centro di convivenza di culture diverse le une dalle altre.

Cosa vedere a Ravenna in un giorno: i musei

Terminato il tour dei monumenti Patrimonio dell’Umanità Unesco, la vostra visita a Ravenna può continuare nei diversi musei – anche questi con splendidi mosaici – disseminati per la città romagnola.

Tra questi una visita merita assolutamente il MAR – Museo d’Arte di Ravenna che ospita al suo interno, oltre a laboratorio ed eventi particolari, una pinacoteca e una vasta collezione di mosaici moderni e contemporanei.

Un altro museo molto importante è il Classis, tra i più importanti musei archeologici d’Italia.
La sua importanza la si percepisce già sulle scale che conducono all’ingresso: un’onda di mosaici lunga 33 metri accoglie i visitatori.
Al suo interno un autentico viaggio attraverso i secoli, lungo tutta la storia della capitale Bizantina.

Una visita imperdibile.

Cosa vedere a Ravenna in un giorno: la Darsena

Terminato il giro turistico potete chiudere la vostra giornata godendo delle vie del gusto di Ravenna, le strade attorno al centro storico piene di locali e ristoranti in cui poter assaggiare i tradizionali cappelletti, la piada con lo squacquerone o bere il tipico Sangiovese.

Una zona particolarmente interessante per l’aperitivo o la cena è la Darsena, un bacino artificiale di tipo industriale che costeggia la stazione: la zona è stata riqualificata ed è possibile trovare locali e opere di street art.