Cuneesi al rum

Condividi con:

I cuneesi al rum sono un prodotto tipico del Piemonte, il cui areale di produzione è limitato alla città di Cuneo e ad alcuni comuni della provincia medesima.

Sono praline formate da una crema a base di cioccolato, rum e crema pasticcera. Questo impasto dolce si inserisce tra due cialde di meringa, e il tutto si ricopre con una lucida pellicola di cioccolato fondente.

Oggigiorno il cambio dei gusti ha reso i cuneesi al rum più “flessibili”, e infatti se ne preparano anche con ingredienti diversi, come il Grand Marnier o la crema di marroni, il caffè o le nocciole, al naturale o come cremino.

Del resto, proprio le nocciole sono un prodotto d’eccellenza, molto presente nella pasticceria piemontese e del Nord Italia in genere.

Cenni storici e curiosità

Si racconta che la tradizione dei cuneesi al rum sia nata a Dronero, verso la fine dell’Ottocento, all’interno del laboratorio di un pasticcere, Giuseppe Galletti.

Come al solito questa nascita è romanzata: si dice infatti che stanco di rimuovere le meringhe che non si staccavano perfettamente dalle teglie, per mascherare le rotture, pensò di unirle assieme con della crema.

Egli pensò, poi, di immergere le meringhe in una bacinella dove aveva appena fuso del cioccolato fondente: fu un altro successo. Il Galletti chiamò questi cioccolatini “Droneresi al Rhum”.

Dopo molti tentativi di imitazione e modifica i pasticceri locali elaborarono il concetto, arrivando a quella che è la formulazione attuale del cuneese al rum, prodotto amato da grandi personaggi e diffuso con un certo successo anche all’estero.

Si potrebbe indicare la nascita ufficiale delle praline cuneesi al 1923, quando Andrea Arione, pasticcere in Cuneo, produsse il primo cuneese al rum e iscrisse poi nel 1931 il marchio di fabbrica presso il Ministero dell’Industria.

I cuneesi al rum hanno conosciuto sin da subito una certa fama. Nel 1954 furono acquistati personalmente da Ernest Hemingway, uno dei massimi scrittori del Novecento, che li portò in dono alla moglie nella loro vacanza nizzarda.

Video di Gusto