Fiano di Avellino DOCG

Condividi con:

Zona di produzione: i terreni collinari della provincia di Avellino. Sono da considerarsi idonei unitamente i vigneti collinari di giacitura ed esposizione adatti con esclusione dei terreni di fondovalle, umidi e non sufficientemente soleggiati.

Vitigni: Fiano. Possono concorrere i vitigni Greco e/o Coda di volpe bianca e/o Trebbiano toscano fino al 15%.

Resa massima per ha: 100 qli.

Resa massima di uva in vino: 70%.

Gradazione alcolica minima: 11,5%.

Acidita’ totale minima: 5 per mille.

Estratto secco netto minimo: 18 per mille.

Invecchiamento: nessuno.

Caratteristiche organolettiche: colore giallo paglierino piu’ o meno intenso; profumo intenso, gradevole e caratteristico; sapore secco ed armonico.

Qualificazioni: il nome del vino puo’ essere accompagnato dalla menzione tradizionale di origine classica “Apianum”.

Tipologie: nessuna.

Abbinamenti: antipasti di pesce elaborati, zuppe di pesce, minestre di legumi, seppie e polpi in umido, pesce arrosto e alla griglia.