Gli indirizzi da segnare in agenda per mangiare il vero Nodo d’Amore di Valeggio sul Mincio

Manuela Titta  | 09 Mar 2024  | Tempo di lettura: 3 minuti

Valeggio sul Mincio è un borgo delizioso immerso nella natura, a due passi dal Lago di Garda: circondato da tanta bellezza, questo luogo ha ispirato un racconto, che è poi diventato una ricetta locale. C’è una storia molto romantica alla base di questo prodotto della tradizione, una vicenda che ha ispirato una ricetta molto apprezzata.

Il racconto di Alberto Zucchetta

Questa storia risale al ‘300 e si narra che Malco, un valoroso capitano, si fosse accampato sul Micio con le truppe viscontee: durante questa permanenza si innamorò di una ninfa di nome Silvia. Fu amore reciproco, tanto che i soldati ricevettero l’ordine di catturare i due innamorati per impedire questo idillio: gli amanti fuggirono e trovarono rifugio nelle profondità del fiume. Malco rinunciò alla sua vita terrena per poter rimanere insieme alla sua adorata: sulla riva del fiume fu ritrovato un fazzoletto di seta dorata che era stato annodato dai due innamorati. Questo nodo era il simbolo del loro amore, un legame eterno e indissolubile.

Il nodo d’amore nella tradizione culinaria

Il nodo rappresentava il loro amore eterno e si è trasformato in tradizione: durante i giorni di festa, le ragazze del posto si mettevano al lavoro per preparare questi nodi d’amore che hanno preso forma nei tortellini. Dalla passione amorosa, siamo passati alla creazione gastronomica, un piatto a cui nessuno vuole rinunciare se si trova a visitare questa zona. Allora vediamo dove possiamo gustare questa imperdibile ricetta. 

Il celebre Tortellino di Valeggio

La ricetta dei tortellini è una P.A.T., questo ad indicare l’importanza di valorizzare al meglio un prodotto locale. La sfoglia, uova e farina, si ottiene lavorando un impasto morbido e liscio che viene tirato a mano, in modo che risulti molto sottile, quasi impalpabile. 

La sfoglia viene successivamente tagliata in piccoli quadrati dove verrà posizionato il ripieno. La farcia è un misto di carni tra manzo, maiale, vitello e fegatini di pollo, il tutto verrà cotto nel burro; a parte va preparato un battuto di cipolla, carote e sedano, che verrà cotto insieme alle erbe aromatiche irrorandolo di vino bianco. Il tutto va poi macinato: una volta raffreddato va aggiunto un uovo sbattuto e un po’ di noce moscata da mantecare. Occorre una cottura lenta e lunga (fino a cinque ore) che assicurerà una farcia ricca di sapori ben amalgamati: una volta tritato, il ripieno risulterà delicato, ma ghiotto. La sfoglia, pronta per essere farcita, viene poi chiusa esattamente come fosse un fazzoletto annodato, in ricordo dei due innamorati. 

Dove gustarlo

Ristorante Alla Borsa – Via Goito 2, 37067 – Valeggio sul Mincio 

Siamo nel pieno centro storico di Valeggio: è una vecchia trattoria dove i commercianti si ritrovavano per concludere gli affari e da qui viene il nome Borsa. Tipica cucina veneta e ovviamente l’imperdibile specialità. 

Ristorante Gatto Moro – Via Giotto, 21, 37067 Borghetto, Valeggio Sul Mincio 

Uno dei ristoranti dove poter gustare i tortellini fatti a mano: cura, passione e ottima presentazione a tavola. 

Ristorante Bue d’Oro – Via Alessandro Sala, 3 Valeggio sul Mincio 

Un secolo di tradizione per questo ristorante che offre anche la versione gluten free dei tortellini. 

Ristorante La lepre – Via Marsala, 5, Valeggio Sul Mincio 

In questo luogo si gustano i menù stagionali, ma il tortellino rimane uno dei pilastri della cucina: anche qui la tradizione è rispettata e servita con tutto l’amore per la tradizione culinaria. 

Festa Del Nodo d’Amore – Ponte Visconteo a Borghetto

Per chi avesse la fortuna di essere in zona nel mese di giugno, si consiglia l’assaggio dei tortellini alla Festa del Nodo d’Amore, l’attesissimo evento dedicato a questa specialità. L’evento si snoda lungo il Ponte Visconteo di Borghetto: si allestiscono due tavolate che misurano 600 metri e possono accogliere ben 3.300 commensali. È una bellissima occasione che attrae visitatori da tutta Europa per una degustazione senza eguali. I tortellini possono essere gustati con il brodo di carne, oppure con burro, salvia e grana.

Manuela Titta
Manuela Titta

Manuela Titta, cuoca per passione, gastronomo di professione e sommelier per vocazione



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur