In Liguria è il piatto di pesce della tradizione: seppie in zimino, ingredienti e ricetta

Marianna Di Pilla  | 01 Mag 2024  | Tempo di lettura: 3 minuti

Le seppie in zimino rappresentano una delle ricette classiche della cucina ligure. Questo piatto è un perfetto esempio di come la cucina locale possa trasformare ingredienti semplici e disponibili in una preparazione ricca di sapore e storia.

Seppie in zimino, storia ed evoluzione

Seppie in zimino
Il termine “zimino” deriva dal termine genovese “zemin,” che indica un particolare modo di cucinare le verdure, soprattutto gli spinaci o le bietole, stufati con aglio, olio e talvolta pomodoro. La peculiarità di questa preparazione sta nell’aggiunta di erbe aromatiche e spezie, che variano a seconda della ricetta familiare o regionale, ma che comunemente includono prezzemolo, basilico e, a volte, peperoncino.
Le origini delle seppie in zimino sono legate alla cucina povera, tipica dei pescatori e delle famiglie che vivevano lungo la costa ligure. Il piatto combinava ingredienti a basso costo ma nutrizionalmente ricchi come le seppie, pescate abbondantemente nel Mar Ligure, e le verdure di stagione, coltivate nei terreni fertili della regione. Nel corso dei secoli, le seppie in zimino sono diventate un simbolo della cucina ligure, apprezzate per la loro capacità di coniugare semplicità e gusto.
Le seppie in zimino sono un piatto umido e aromatico, dove il sapore del mare dato dalle seppie si fonde con la dolcezza terrosa delle verdure, il tutto esaltato da un tocco di acidità del pomodoro e l’aroma delle erbe. Da servire calde, magari accompagnate da una fetta di pane casereccio tostato che assorbe il sughetto.
Nata come ricetta di famiglia e della cucina casalinga, oggi le seppie in zimino si possono trovare non solo nelle case ma anche nei menu dei ristoranti locali come piatto tipico insieme alle celeberrime trofie al pesto.

Seppie in zimino, ricetta

Seppie in zimino
Le seppie in zimino sono un piatto avvolgente e ricco di sapori, che ti catapulterà in un’esperienza culinaria affascinante. Le morbide seppie si fondono con le delicate bietole, immerse in una salsa verde dal gusto intenso e invitante. Arricchita dall’aroma dell’aglio e dalla dolcezza della cipolla, avvolge le seppie in una carezza gustativa, mentre il vino bianco secco apporta una nota di freschezza che si armonizza perfettamente con i sapori marini. Infine, l’accompagnamento con fette di pane croccante o riso bianco completa questa esperienza, fornendo una piacevole base che si sposa armoniosamente con la salsa verde e le seppie.

Ingredienti

  • 6-8 carciofi
  • 500 g di mozzarella
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • 400 g di passata di pomodoro
  • 2 spicchi d’aglio
  • Olio d’oliva q.b.
  • Basilico fresco q.b.
  • Sale e pepe q.b.

Preparazione

  1. Rimuovere le foglie esterne più dure  delle bietole e tagliare i gambi in pezzi di circa 2-3 cm. Tagliare anche le foglie a strisce larghe.
  2. Tritare l’aglio la cipolla e il prezzemolo finemente
  3. Sciacquare le seppie sotto l’acqua fredda e asciugandole con della carta da cucina e tagliarle a pezzi di dimensioni uniformi.
  4. In una pentola grande, scaldare l’olio d’oliva a fuoco medio. Aggiungere l’aglio e la cipolla tritati e far soffriggere per qualche minuto fino a quando diventano dorati e profumati.
  5. Aggiungere le seppie nella pentola e falle rosolare per alcuni minuti fino a quando diventano bianche.
  6. Aggiungere quindi le bietole e continua a cuocere per qualche minuto finché si appassiscono leggermente.
  7. Spolverare la farina sulle seppie e le bietole e mescolare bene per distribuirla uniformemente.
  8. Versare il vino bianco nella pentola e lascialo evaporare per alcuni minuti, mescolando di tanto in tanto.
  9. Aggiungere il prezzemolo tritato e abbassa la fiamma. Copri la pentola con un coperchio e lasciar cuocere a fuoco basso per circa 30-40 minuti, o finché le seppie non diventano tenere.
  10. Durante la cottura, assicurati che il liquido non si asciughi troppo. Se necessario, aggiungere un po’ d’acqua calda.
  11. Una volta che le seppie sono tenere, assaggiare e aggiustare di sale e pepe secondo il tuo gusto.
  12. Servire le seppie in zimino calde, accompagnate da fette di pane croccante o con del riso bianco come contorno.
Marianna Di Pilla
Marianna Di Pilla


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur