Home » Itinerari » Strada dei Sapori della Valtiberina Toscana

Strada dei Sapori della Valtiberina Toscana

La Strada della Valtiberina toscana: Monterchi
La Strada della Valtiberina toscana: Monterchi

Un viaggio attraverso i sapori autentici della tradizione toscana, che tocca l’alta valle del Tevere e attraversa la storia dei maestri del Rinascimento: ecco la Valtiberina Toscana.

La Strada dei sapori Valtiberina Toscana attraversa l’alta valle del Tevere, e rappresenta il lembo più orientale della regione. Patria dei maestri del Rinascimento, da Michelangelo a Piero della Francesca, la Valtiberina è sempre stata punto d’incontro tra civiltà diverse: nei suoi vari stili architettonici e usi e costumi rivela infatti gli influssi che provengono dalla Romagna, dalle Marche e dall’Umbria.

La Valle può essere definita “eccentrica”, ricca di un inestimabile patrimonio artistico, storico, culturale, naturale e gastronomico: la Strada dei sapori della Valtiberina toscana ci porta alla scoperta di piccoli borghi antichi e prodotti tradizionali come i funghi, la carne Chianina, la polenta, i marroni e i legumi.

In breve:

  • Partenza: Anghiari
  • Arrivo: Caprese Michelangelo
  • Km totali: 112
  • Cosa puoi vedere: il Borghetto, Palazzo Taglieschi, affresco “La Madonna del Parto”, Musei di Sansepolcro, chiesa di San Michele Arcangelo, Archivio Diaristico Nazionale, Museo della scultura all’aperto.
  • Cosa puoi gustare: olio, polenta, verdura, formaggi, pane, carne Chianina, Torcolo, Ciaramiglia, insaccati, frutta, funghi, castagne, legumi, Brasato, Stufato e Bollito.
  • Comuni attraversati: Monterchi, Sansepolcro, Badia Tedalda, Sestino, Pieve Santo Stefano.

Tappa 1 – Da Anghiari a Sansepolcro

Il caratteristico borgo medievale di Anghiari è il nostro punto di partenza: un intreccio di vicoli, palazzi, chiese, botteghe artigianali e balconi fioriti che allietano le passeggiate in centro, mentre la campagna ricca di oliveti regala momenti di quiete.

Ad attirare l’attenzione è sicuramente il Borghetto, il più antico insediamento medievale circondato da mura cinquecentesche. Sempre nel centro storico si trova Palazzo Taglieschi, oggi un museo che ospita opere di pregio.

Ci spostiamo a Monterchi, la patria della madre di Piero della Francesca, dove si può ammirare il celebre affresco “La Madonna del Parto”. Il paesaggio è caratterizzato da grandi distese di girasole e coltivazioni di granturco, a testimoniare l’attività agricola intensa della zona.

Campi di tabacco s’incontrano invece a Sansepolcro, dai quali si realizzano i famosi sigari Toscani. Questa città è considerata la culla del Rinascimento: si possono ammirare infatti qui quattro opere di Piero dalla Francesca, diversi musei e chiese; ma Sansepolcro è anche famosa per la pasta e i prodotti da forno come il pane.

Tappa 2 – Da Sansepolcro a Sestino

La strada dei Sapori continua verso Badia Tedalda, che si raggiunge lasciandosi alle spalle la Riserva Naturale dell’Alpe della Luna. Qui il paesaggio è caratterizzato dai pascoli, e il piccolo borgo custodisce memorie antiche dei monaci, che si fermavano qui percorrendo la via Romea: nella chiesa di San Michele Arcangelo troviamo infatti delle bellissime terrecotte del XVI secolo.

Passando attraverso i boschi, famosi per la raccolta del tartufo, dei funghi e delle erbe aromatiche, raggiungiamo Sestino, un borgo a cavallo tra Toscana e Umbria dalla storia antichissima.

Tappa 3 – Da Sestino a Caprese Michelangelo

La città del fungo “prugnolo” è la nostra prossima tappa: Pieve Santo Stefano è famosa per l’Archivio Diaristico Nazionale, che raccoglie scritti inediti. Arriviamo così a Caprese Michelangelo, un borgo ricco di storia e paesaggi, che prende il nome da Michelangelo Buonarroti, che nacque qui nel 1475: si possono ammirare le sue tracce negli antichi calchi in gesso nel Municipio e nel Museo della scultura all’aperto. Ma Caprese non è solo arte: questo è il luogo ideale per chi ama passeggiare all’aria aperta e la cucina tradizionale toscana.

Prodotti tipici della Strada dei sapori Valtiberina Toscana 

La Strada dei Sapori della Valtiberina toscana: la Chianina
La Strada dei Sapori della Valtiberina toscana: la Chianina

Il ventaglio dei prodotti tipici della Valtiberina è davvero ampio e variegato, così come sono molteplici i piatti di questa cucina tradizionale così famosa nel mondo.

Ottimo sia a crudo sul pane, che per insaporire zuppe e carni, l’olio extravergine d’oliva di Anghiari ha un sapore di erbe particolare.

La città della polenta è invece Monterchi, che ogni anno organizza una Sagra per onorare questo tipico piatto dal sapore deciso. L’eccellente produzione di verdura, frutta, ortaggi e formaggi ha luogo a Sansepolcro, dove lasciarsi conquistare anche dalle carni e dagli insaccati di alta qualità: salami, prosciutti, soppressata, finocchiona, ma anche salsicce e lombi sottolio, tutti prodotti offerti nelle numerose botteghe dedicate all’enogastronomia; la città di Piero della Francesca è però anche famosa per la pasta: infatti, proprio qui nell’800, nacque il primo stabilimento della Buitoni. Cura e dedizione è riservata anche alla lavorazione del pane, soprattutto quello tipico toscano senza sale. I prodotti da forno in generale sono il fiore all’occhiello di Sansepolcro: le farine utilizzate provengono da coltivazione biologica e danno vita al famoso Torcolo, il ciambellone toscano, ma anche alla Ciaramiglia, un dolce antico ottimo insieme al Vin Santo.

La carne razza Chianina più famosa e apprezzata è la “fiorentina”, tutta da gustare in uno dei ristoranti tipici di Badia Tedalda, che offrono la possibilità di provare piatti tradizionali come il brasato, lo stufato e il bollito.

Le coltivazioni di frutta più famose della Toscana sono quelle che si trovano a Pieve Santo Stefano, la patria del “prugnolo”, il più apprezzato tra i funghi.

Famosa la patata bianca della Valtiberina, così come i peperoni dalle straordinarie proprietà nutritive. I fagioli bianchi e i legumi in generale sono un vanto per questo territorio: vale la pena citare il cece piccino (piccolo ma dal sapore intenso), il fagiolo dell’occhio e quello nano, ottimi per la preparazione di minestre e contorni.

Eventi della Strada dei sapori Valtiberina Toscana 

  • Sagra della Polenta (Monterchi)  – da oltre 40 anni si celebra la polenta nel mese di settembre, con stand gastronomici, balli, musica dal vivo e tanto divertimento.
  • Sagra del Prugnolo (Pieve Santo Stefano)-un appuntamento da non perdere nel mese di maggio, con tante iniziative d’intrattenimento e degustazioni del fungo e di altri prodotti tipici.
  • Carnevale in Valtiberina Toscana – tutti i comuni della valle organizzano ogni anno sfilate di carri allegorici con gruppi mascherati, feste dei bambini e spettacoli.

Dove dormire e mangiare lungo la Strada dei sapori Valtiberina Toscana 

  1. Agriturismo Biologico Fattoria Caldesoni ( Caldesoni, 14 Anghiari) – Un paesaggio incantevole circonda questa struttura ricavata da antichi Casali della fattoria risalenti al ‘700. Nell’antico forno a legna vengono preparati i cibi Bio della fattoria. Presente un giardino panoramico e la piscina con solarium per un soggiorno all’insegna del relax.
  2. Agriturismo Il Giardino (Strada Vicinale del Rio Secondo 44B, Sansepolcro) – Un’antica dimora ristrutturata che offre prodotti tipici del territorio; dispone di 5 appartamenti, di una piscina con idromassaggio, di un giardino e dell’orto.
  3. Locanda La Pergola (Via Tiberina Km. 177 – Appalto Bonucci1 8, Pieve Santo Stefano) – Pasta fatta in casa, carne alla griglia e tante specialità toscane in un ambiente piacevolmente familiare.