La facciamo in tutti i modi, ma così mai: ecco cos’è la pizza al padellino

Francesco Garbo  | 04 Ott 2023  | Tempo di lettura: 2 minuti

Oggi orami ovunque si trova la pizza al padellino, anche e soprattutto nelle pizzerie gourmet. Ma cos’è la pizza al padellino e dove nasce?

Pizza al padellino o al tegamino, questo il nome di questa specialità tradizionale torinese di questa pizza caratterizzata dalla cottura appunto in un padellino. Questo tipo di cottura la rende croccante e soffice all’interno. Una pizza pratica che consente di prepararla facilmente anche a casa. La nascita di questo tipo di pizza sembra essere abbastanza recente e il motivo sarebbe quello della velocità di esecuzione.

La tradizione della pizza qui a Torino arriva molto probabilmente dalla Liguria con la sua focaccia, anch’essa in teglia. La scelta del padellino è dettata dalla praticità. La pizza al padellino infatti può essere preparata prima e poi essere infornata al momento del bisogno. Così facendo rimane solo da condire e infornare la pizza senza doverla stendere. Per questo, per molti anni l’unica tipologia di pizza presente a Torino è stata proprio questa. Solo con l’avvento della pizza napoletana negli anni ’70 cambia il modo di vedere la pizza.

La pizza al padellino passa così in secondo piano, tanto quasi da sparire. Oggi per fortuna questo tipo di pizza è stata ripresa da molti pizzaioli di livello, ripresa ed elaborata fino a farla diventare un prodotto gourmet. Non sono poche le pizzerie che propongono la pizza al padellino in versione dolce. In sostanza la pizza al padellino è simile a una pizza normale ma viene stesa in un tegamino dal diametro di 20-25 centimetri. In passato tradizionalmente veniva condita e lasciata lievitare, oggi però si fa più attenzione ai dettagli e si condisce solo poco prima di infornarla.

Indice dei contenuti

Il procedimento

La pizza al tegamino, come la focaccia, ha due maturazioni: la prima avviene come in tutte le pizze, la seconda invece nel tegamino. Proprio questo passaggio è il segreto per la riuscita di una pizza alta e soffice. La cottura si aggira intorno agli 8 minuti totali a 280°C circa.

Francesco Garbo
Francesco Garbo

Sono un cuoco e un giornalista enogastronomico, cucino e parlo di cibo praticamente tutto il giorno. Vino e cibo sono le due vie migliori per conoscere una cultura, in modo gustoso.



Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur