La seduzione della Lucanica di Picerno IGP: ecco come usarla in cucina | Paesi del Gusto

La seduzione della Lucanica di Picerno IGP: ecco come usarla in cucina

Aurora De Luca  | 02 Gen 2024  | Tempo di lettura: 3 minuti
lucanica IGP

Nel cuore della Basilicata, tra le colline ondulate e i borghi storici, troviamo Picerno, Tito, Satriano di Lucania, e altri comuni della provincia di Potenza, custodi di un tesoro gastronomico: la Lucanica di Picerno IGP. Questo salume, con la sua storia che risale all’epoca romana, è un simbolo della cultura enogastronomica lucana, distinta per la sua ricetta tradizionale e i metodi di produzione che hanno attraversato i secoli​​.

Tradizione e produzione: l’arte della Lucanica

Lucanica di Picerno IGP

La Lucanica di Picerno è frutto di un’antica sapienza, iniziata fin dall’epoca preromana. La produzione segue metodi tradizionali, utilizzando tagli selezionati di carne di maiale e spezie come il finocchio selvatico, pepe e, a volte, peperoncino. Questi ingredienti vengono accuratamente macinati e insaccati in budelli naturali, seguiti da un processo di asciugatura e stagionatura minuzioso. Questa attenzione ai dettagli è ciò che rende la Lucanica di Picerno un prodotto unico, testimoniato da fonti storiche come Marco Terenzio Varrone e Cicerone​​.

Riconoscimenti: un marchio di qualità

Nel 2018, la Lucanica di Picerno ha ricevuto il riconoscimento IGP (Indicazione Geografica Protetta), un simbolo dell’autenticità e qualità che distingue questo salume nel panorama gastronomico italiano. Questo riconoscimento non solo celebra la sua unicità, ma garantisce anche che ogni salsiccia prodotta rispetti rigorosi standard di qualità e provenienza​​.

Proprietà organolettiche e nutritive: un sapore inconfondibile

La Lucanica di Picerno si presenta con una forma ad “U”, un colore rosso rubino, e una texture morbida e compatta. Il suo sapore unico deriva dall’aroma predominante di finocchio selvatico, con note di pepe e peperone, e in alcune varianti, un’intensità aggiuntiva data dal peperoncino. Questa combinazione di sapori rende la Lucanica di Picerno un salume distintivo e amato, sia nella sua versione tradizionale che piccante​​.

Abbinamenti vinicoli: l’armonia dei sapori

Abbinare la Lucanica di Picerno con vini locali non è solo un piacere gastronomico, ma anche un viaggio attraverso la cultura enologica della Basilicata. I vini robusti e aromatici della regione, come l’Aglianico del Vulture, complementano perfettamente il gusto speziato e ricco della Lucanica, creando un equilibrio di sapori che risalta le qualità uniche di entrambi.

3 Idee di ricette: creatività in cucina

Bruschetta con Lucanica Picerno IGP

  1. Lucanica e Fagioli: Un classico della cucina lucana, dove la Lucanica viene cucinata lentamente con fagioli borlotti, creando un piatto ricco e confortante.
  2. Bruschetta con Lucanica: Una bruschetta rustica con fette di Lucanica grigliate, pomodorini e un filo d’olio extravergine d’oliva, perfetta come antipasto o spuntino.
  3. Pasta alla Lucanica: Un sugo fatto con Lucanica sbriciolata, pomodoro e un pizzico di peperoncino, servito con pasta fresca, per un piatto che celebra la semplicità e il gusto autentico della Basilicata​​.

La Lucanica di Picerno IGP non è solo un prodotto di salumeria, ma un emblema di una regione ricca di storia, tradizione e passione per il cibo. Un viaggio nella Basilicata attraverso il gusto della Lucanica è un’esperienza che incanta.

Scopri su Paesi del Gusto altri imperdibili Prodotti Tipici!

Credit immagine di copertina /www.turismo.it

Aurora De Luca
Aurora De Luca


Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur