La terrazza panoramica della Maremma è il borgo più gustoso della Toscana

Francesco Garbo  | 16 Giu 2023  | Tempo di lettura: 3 minuti

Montemerano è un piccolo borgo in Toscana, molto vicino alle famosissime terme di Saturnia e le cascate del Mulino. Qui i turisti vengono a rilassarsi nella acque termali bollenti che sciolgono ogni tensione dando spazio al relax e al benessere. Se dopo essere stati alle terme siete affamati e volete godervi una passeggiata rilassante, allora Montemerano fa davvero al caso vostro.

La storia di Montemerano

Il nome di Montemariano sembra derivare da Mons Marianus, in memoria del console Caio Mario, qui sconfitto durante la guerra civile contro Silla. Una seconda ipotesi meno accreditata è quella che il nome possa riferirsi a personaggi e famiglie locali come Marius, Amerius o Mirius. La costruzione della rocca si fa risalire al 1005-1010 grazie agli Aldobrandeschi che circondano il borgo con le mura che viene poi ricostruita attorno al 1300 per opera del Comune di Siena, insieme alla rocca, di cui oggi rimane la torre quadrata.

Il borgo di Montemerano conserva ancora oggi un centro storico cinto tra le antiche mura. Stupendo il panorama che spazia dal Monte Amiata all’Argentario. Sono in realtà tre cerchie di mura medievali a circondare il borgo, la prima e più antica cerchia, la seconda con tre torrioni circolari e la terza che unisci al borgo la chiesa di San Giorgio. Visitare la città sembra come un viaggio nel tempo, ogni vicolo regala uno scorcio degno di una foto ricordo.

A Montemerano si può passeggiare a cavallo lungo la rete di sentieri tra boschi e campagne, dirigersi verso l’Argentario, se in estate, o tuffarsi nelle calde acque di Saturnia, se in inverno. Tutto qui in Maremma è così lento e lontano dalla normale frenesia della città. Olio, vino, carne, formaggi e salumi sono tutte eccellenze del territorio, una più buona dell’altra. Da non perdere la Festa di San Giorgio dal 23 al 25 aprile che vede sfidarsi i ragazzi delle tre contrade in una sfilata in costume medeivale per la via del borgo con la rappresentazione teatrale de “La vera storia di San Giorgio”. Per i più golosi la Sagra della Trippa che si svolge durante i primi dieci giorni di agosto con la tipica “trippa alla montemeranese” accompagnata da un bicchiere di Morellino di Scansano.

Cosa mangiare a Montemarano

Una cucina che richiama i tradizionali archetipi del mangiare toscano, quella del bel borgo maremmano. Tra i piatti tipici di Montemarano possiamo trovare:

  • i tortelli di Montemerano ripieni di ricotta ed erbette e conditi con ragù di carne. Ne esiste poi una versione dolce con lo spesso ripieno ma con un condimento di zucchero e cannella;
  • l’acquacotta, una sorta di minestrone con sedano, pomodoro e verdure dell’orto, la particolarità della zuppa è l’uovo che va rotto sulla zuppa calda subito prima;

Poi olio frutto di una selezione di olive frantoiane, moraiole, ragge e canine e il Morellino di Scansano, un vino davvero unico.

Francesco Garbo
Francesco Garbo

Sono un cuoco e un giornalista enogastronomico, cucino e parlo di cibo praticamente tutto il giorno. Vino e cibo sono le due vie migliori per conoscere una cultura, in modo gustoso.



Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur