Lo scandalo più dolce dell’anno è servito: ecco cosa è stato trovato in queste tavolette di cioccolato

Claudia Rapparelli  | 10 Nov 2023  | Tempo di lettura: 2 minuti
Lo scandalo più dolce dell'anno è servito ecco cosa è stato trovato in queste tavolette di cioccolato

Il cioccolato è nuovamente al centro dell’attenzione. Negli Stati Uniti, Consumer Reports ha condotto un’analisi dettagliata dei marchi più famosi presenti sul mercato. Questo focus sul cioccolato è un segno dell’interesse crescente per la qualità e la provenienza degli ingredienti nei prodotti alimentari, con i consumatori sempre più attenti a ciò che mettono nel loro carrello della spesa. Il cioccolato fondente, noto per essere una scelta più sana, sta ora attirando l’attenzione a causa delle preoccupazioni riguardanti la presenza di metalli, come il piombo e il cadmio. Questo ha portato ad un maggiore interesse per l’analisi approfondita dei marchi e dei produttori per garantire la sicurezza e la qualità del cioccolato fondente che i consumatori amano.

I risultati della ricerca sul cioccolato

La preoccupazione per la presenza di metalli pesanti come il piombo e il cadmio nel cioccolato fondente è emersa in seguito ad analisi approfondite condotte su vari marchi presenti sugli scaffali dei supermercati. Inoltre, è stato rilevato che anche il mercurio e l’arsenico sono presenti, ma in quantità relativamente basse e non preoccupanti. La distinzione principale tra queste categorie sta nelle percentuali di metalli pesanti rilevate nei campioni analizzati. Il piombo e il cadmio, purtroppo, occupano il podio per quanto riguarda le concentrazioni più elevate, sollevando preoccupazioni legate alla salute dei consumatori.

cioccolato fondente

Le percentuali

I dati preoccupanti emergono quando si analizzano le concentrazioni di metalli pesanti in specifiche marche di cioccolato fondente. Ad esempio, le tavolette di cioccolato fondente al 70% della Perugina hanno superato di gran lunga il limite consentito, mostrando una concentrazione di piombo che raggiunge il 314%. Ancor più allarmante è il risultato ottenuto dalle tavolette all’85%, che hanno riportato una concentrazione di piombo pari al 539%.

Niente paura: arrivano le rassicurazioni sul consumo

La Perugina ha cercato di rassicurare i consumatori sottolineando che le elevate percentuali di piombo riscontrate nelle loro tavolette di cioccolato fondente sono dovute alla presenza di una quantità più elevata di cacao. Inoltre, Consumer Reports ha sottolineato che un consumo occasionale di cioccolato con queste concentrazioni di metalli pesanti non dovrebbe comportare problemi significativi per la salute dei consumatori. Tuttavia, è fondamentale che l’industria del cioccolato adotti misure rigorose per garantire che i loro prodotti rispettino i limiti di sicurezza stabiliti e che i consumatori possano godere del cioccolato senza preoccupazioni per la loro salute a lungo termine.

Claudia Rapparelli
Claudia Rapparelli


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur