Mele rosse delle valli cuneesi

Condividi con:

CARATTERISTICHE DELLE VARIETA’ LOCALI DA SALVAGUARDARE, METODICHE DI COLTIVAZIONE E/O VOCAZIONALITA’ TERRITORIALE CONSOLIDATE NEL TEMPO: L’indicazione “Mele Rosse delle Valli Cuneesi” designa esclusivamente il frutto delle cultivar appartenenti ai due gruppi varietali Red Delicious e Gala.
Nel corso del tempo, in particolare, si è, poi, riusciti ad esaltare quella felice combinazione di sapore e colore, che era già una caratteristica delle vecchie varietà autoctone e che è una delle principali ragioni di successo delle mele delle Valli Cuneesi. Il colore particolarmente intenso delle mele delle Valli Cuneesi è dato dalla particolare irradiazione dei raggi solari cui questo frutto è esposto: in pratica ciò che in molte colture è possibile ottenere intervenendo artificialmente sui processi di maturazione, nell’altipiano cuneese, avviene in maniera completamente naturale. Vari fattori concomitanti agiscono, infatti, nell’areale del cuneese per determinare l’intensità della colorazione rossa del frutto: l’altitudine, compresa fra 250 ed 800 m s.l.m., che è tra le più elevate della frutticoltura europea; la buona latitudine nord; la particolare conformazione orografica che determina, da un lato, forti escursioni termiche e, dell’altro, la formazione di brezze di monte a senso alternato mattino/sera.

ZONA DI PRODUZIONE: La zona di produzione delle “Mele Rosse delle Valli Cuneesi” comprende il territorio della Provincia di Cuneo ed alcuni comuni della Provincia di Torino

MATERIALI ED ATTREZZATURE SPECIFICHE UTILIZZATE PER LA CONSERVAZIONE E/O L’IMBALLAGGIO DEL PRODOTTO ORTOFRUTTICOLO INDICATO NELLA PRESENTE SCHEDA: La commercializzazione delle “Mele Rosse delle Valli Cuneesi”, ai fini dell’immissione sul mercato, deve essere effettuata utilizzando le seguenti confezioni, in cartone, legno o materiale plastico:

DESCRIZIONE DEI LOCALI DI CONFEZIONAMENTO E/O DI CONSERVAZIONE: La eventuale conservazione delle “Mele Rosse delle Valli Cuneesi” avviene secondo i metodi tradizionali, attraverso la tecnica della refrigerazione, in locali dove vengono assicurati valori di temperatura, di umidità e di composizione atmosferica tali da non alterare le peculiari caratteristiche qualitative.

DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE LA VOCAZIONALITA’ TERRITORIALE CONSOLIDATA NEL TEMPO PER UN PERIODO NON INFERIORE AI VENTICINQUE ANNI DEL PRODOTTO ORTOFRUTTICOLO INDICATO NELLA PRESENTE SCHEDA: In Piemonte, in particolare nelle valli e colline cuneesi, la mela ha sempre trovato un terreno ed un clima particolarmente favorevoli, così che non è stato difficile per le popolazioni di quelle zone sviluppare e potenziare una melicultura di alta qualità.

Bibliografia:

FONTE: B.U.R. Piemonte, Supplemento al numero 23 – 6 giugno 2002

Video di Gusto