Morettus

Condividi con:

Area di Produzione
Vallermosa

 

Altri nomi del prodotto
Morettu di Vallermosa, Moretto, Is Morettus

 

Descrizione
Il Moretto è un dolce ripieno tipico di Vallermosa. Si presenta con forma rettangolare, con angoli smussati.
L’aspetto bombato è dovuto al ripieno, le dimensioni del dolce variano intorno ai 6 centimetri di lunghezza ed una larghezza di 2 centimetri. Ha un colore bruno lucido, cangiante con tendenza a riflessi chiari. Le particolari caratteristiche organolettiche, seppur tipiche dei dolci sardi, differiscono per la croccantezza dell’involucro e dal gradevole gusto speziato del suo ripieno umido, dato dalla cannella e da altri ingredienti che conferiscono un sapore rotondo e dolce con un retrogusto fruttato dovuto all’impiego di uva passa.
Il Moretto é prodotto a Vallermosa, prevalentemente da una pasticceria artigiana che detiene l’antica ricetta.

 

Preparazione
Per la preparazione dell’involucro esterno si utilizza la farina, uova e zucchero. Per il ripieno sono impiegati il liquore marsala, l’uva passa, mandorle, acqua e aromi vari in proporzione variabile, cosi come da una ricetta tramandata da generazioni. Il dolce viene poi infornato, in forno elettrico ventilato per 20 minuti ad una temperatura di 180 gradi, fino a completa doratura. L’utilizzo di materie prime locali e una particolare lavorazione e amalgama degli ingredienti conferiscono un sapore unico e particolare al prodotto.

 

Cenni storici e curiosità
Tale prodotto nasce dall’ingegno di una signora di Vallermosa, antenata dei proprietari della pasticceria artigiana sopracitata che, avendo a disposizione diverse materie prime, creò il Moretto; sostanzialmente si tratta di un dolce considerato “povero” in quanto composto da prodotti come la farina, uova e mandorle presenti nelle case degli agricoltori di Vallermosa.
In origine il dolce nasce con forma circolare, simile ad una crostata e preparato per le feste, in particolare per Pasqua. Per semplicità di preparazione, praticità e ragioni commerciali, da oltre un trentennio, il Moretto ha assunto dimensioni tali da essere considerato “monoporzione” facile al consumo, ma mantenendo costante la lavorazione e gli ingredienti utilizzati.
Il nome probabilmente deriva dalla sua colorazione tendente al brunastro. La denominazione Moretto, o Su Morettu o Morettus è associata sempre come “di Vallermosa”.

Video di Gusto