Moscato di Sardegna DOC

Condividi con:

Zona di produzione: l’intero ambito territoriale della Sardegna. Sono da escludersi i terreni salsi, quelli interessati dalla falda ed infine quelli posti ad una altitudine superiore ai 450 metri sul livello del mare.

Sottodenominazioni: se le uve provengono dai vigneti ubicati in Gallura, ha diritto alla denominazione geografica “Tempio Pausania” o “Tempio” e “Gallura”.

Vitigni: Moscato bianco con eventuali aggiunte di altri vitigni a frutto bianco autorizzati o raccomandati per la regione, massimo 10%.

Resa massima per ha: 130 qli.

Resa massima di uva in vino: 70%.

Gradazione alcolica minima: 11,5%, con alcol svolto minimo 8%.

Acidita’ totale minima: 5 per mille.

Estratto secco netto minimo: 17 per mille.

Invecchiamento: nessuno.

Caratteristiche organolettiche: colore giallo paglierino, brillante; profumo aromatico, delicato, caratteristico; sapore dolce, delicato, fruttato, caratteristico di Moscato.

Qualificazioni: nessuna.

Tipologie: nessuna.

Abbinamenti: frutta e piccola pasticceria.

Video di Gusto