Non solo Scozia: è in Sardegna che si produce uno dei migliori 10 whisky al mondo

Maddalena  | 18 Giu 2024
Bicchiere di Whisky

Trovarsi improvvisamente dall’altra parte del mondo e sentirsi decisamente a casa, con un solo sorso di Whisky. Un’immagine poetica, sicuramente, eppure per qualcuno potrebbe sembrare impossibile. Non è forse il Whisky uno dei distillati più identitari in assoluto, con la supremazia dello Scotch sempre lì, in bella vista, a far mostra di sé, della sua storia, della sua profondità? Sì. E no. Oltre a essere il re di questo micro mondo di alambicchi e botti, il Whisky (che festeggia la sua giornata mondiale il 18 maggio) è anche il distillato più apolide in assoluto. O forse il più giramondo, come dimostra una tra le distillerie che si sta facendo strada nel panorama mondiale e che viene dalla nostra amata Sardegna.

1 Un Whisky sardo di classe mondiale

Botti di Whisky
Botti di Whisky
Tra le distillerie emergenti infatti, che stanno ridefinendo il panorama globale del whisky, una si distingue per la sua qualità eccezionale e il legame profondo con la sua terra d’origine: Silvio Carta, situata nel cuore della Sardegna. Questo whisky non è solo una bevanda eccellente, ma un prodotto esclusivo che racconta la storia di un’isola ricca di tradizioni e sapori unici. Il whisky sardo di Silvio Carta si distingue per un processo di invecchiamento unico nel suo genere, che avviene in botti di castagno sardo ultracentenarie, risalenti addirittura al 1852. Queste botti, che hanno contenuto la Vernaccia di Oristano Doc per interi decenni, conferiscono al distillato una complessità e una profondità di sapore ineguagliabili. Il risultato è un whisky dal colore dorato con riflessi intensi, che al naso offre note di scorza d’agrume, mandorle e la piccantezza dello zenzero. Al palato, il sorso è morbido, vellutato e pulito, di decisa e persistente eleganza.

2 La lunga tradizione sarda della produzione di liquori

Produzione artigianale di botti
Produzione artigianale di botti
La Sardegna, conosciuta per le sue incredibili bellezze naturali e la ricchezza di sfumature culturali, ha una lunga storia di produzione di liquori. La distilleria Silvio Carta, fondata da Silvio Carta stesso, è un simbolo di questa tradizione. Situata nel cuore dell’isola, questa distilleria ha dedicato anni alla ricerca e alla sperimentazione per creare un whisky che fosse in grado di rappresentare al meglio l’essenza della Sardegna. Il segreto di questo successo risiede non solo nelle materie prime di altissima qualità, ma anche nella passione e nella dedizione con cui ogni fase della produzione viene curata.
Dalla selezione del malto alla distillazione, fino all’invecchiamento nelle antiche botti di castagno, ogni passaggio è eseguito con un’attenzione maniacale ai dettagli. Questo impegno si riflette nel prodotto finale, che è un vero e proprio capolavoro dell’arte distillatoria. Le botti di castagno utilizzate per l’invecchiamento sono particolarmente importanti. Questi contenitori non solo conferiscono al whisky sardo un sapore unico, ma rappresentano anche un legame diretto con la storia e le tradizioni dell’isola. Il castagno, infatti, è un albero simbolico per la Sardegna, utilizzato da secoli non solo per la produzione di botti, ma anche nella cucina e nell’artigianato locale.

3 Il distillato più amato al mondo

Whisky
Il whisky sardo di Silvio Carta è un invito a esplorare non solo un nuovo distillato, ma anche una cultura ricca e affascinante. Ogni sorso è un viaggio attraverso i sapori e le tradizioni della Sardegna, un’esperienza che arricchisce il palato e la mente. Questo whisky si presta a essere gustato da solo, per apprezzarne appieno le sfumature, ma si abbina anche meravigliosamente a una varietà di piatti. Per chi desidera sperimentare, suggeriamo di accompagnare il whisky sardo con formaggi stagionati, che ne esaltano le note fruttate e speziate, oppure con dessert a base di mandorle e agrumi, che ne richiamano i profumi.
Anche i piatti a base di pesce, tipici della cucina sarda, possono offrire un abbinamento sorprendente e raffinato. Mentre celebriamo il distillato più amato al mondo, ricordiamo che il whisky non è solo una bevanda, ma un ponte tra culture e tradizioni diverse. E in questo ponte, la Sardegna occupa un posto di rilievo, con un whisky che è già entrato di diritto tra i migliori dieci al mondo. Il whisky sardo di Silvio Carta è una testimonianza della capacità dell’isola di produrre eccellenze in ogni campo. Che siate appassionati di whisky o semplicemente curiosi di scoprire nuovi sapori, questo distillato saprà conquistarvi e regalarvi un’esperienza indimenticabile. Salute!

Maddalena
Maddalena


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur