Parruozze

PaesidelGusto  | 10 Gen 2019  | Tempo di lettura: < 1 minuto

Composizione:
a. Materia prima: farina integrale di grano tenero, lievito naturale.
b. Coadiuvanti tecnologici:
c. Additivi:

Tecnologia di lavorazione: la farina viene impastata con il lievito acido stemperato in acqua tiepida. Si impasta bene e quando l’elaborato ha raggiunto la giusta consistenza si fa lievitare per diverse ore. Si formano dei pani tondeggianti piuttosto schiacciati, del peso di un chilo che vengono lasciati lievitare ancora per qualche ora, poi si cuociono a forno caldo.

Area di produzione: Capitanata, in Puglia.

Note: è un pane che viene ancora sporadicamente confezionato in casa. E’ infatti raro trovarlo, ma un tempo le masserie lo preparavano per i lavoranti. Pani più piccoli erano detti “parruzielle”. Differisce dal Parruozzo abruzzese perché fatto con farina integrale di grano tenero.

PaesidelGusto
PaesidelGusto


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur