Persecche

Condividi con:

Materia prima: mele, pere, prugne, cachi.

Tecnologia di lavorazione: la frutta viene tagliata a fette e fatta essiccare a 30°C senza nulla aggiungere. Viene confezionata in sacchetti da 125, 250 e 1.000 gr.

Maturazione:

Area di produzione: Nave S. Rocco (Tn).

Calendario di produzione: da settembre a gennaio.

Note: tipica di tutto il Trentino – Alto Adige notoriamente grosso produttore di mele, pere e susine. La tradizione delle persecche, rimasta in oblio per molti anni, è stata ripresa dal 1981. Un tempo veniva adoperata come moneta di scambio. La frutta tagliata a fette veniva infilata con ago e filo e sospesa ad asciugare vicino ad una fonte di calore. I frutti più adoperati erano le mele, le pere e le pesche, quest’ultime oggi hanno lasciato il posto a susine e cachi. Una poetica versione sull’uso di questa conserva, ci informa che veniva data, come premio, ai bambini quando erano buoni. Si adopera frutta proveniente da aziende che non usano concimi, diserbanti e antiparassitari di sintesi.

Video di Gusto