Prodotti tipici dell'Emilia Romagna

I prodotti tipici dell’Emilia Romagna sono un tesoro di ricchezze che ruota intorno alla “grassa” Bologna. Così viene chiamata infatti la città felsinea che, insieme a Napoli, si contende il titolo puramente onorifico di capitale della gastronomia italiana.

A Bologna, e in generale all’Emilia Romagna, è associata infatti la cultura della lasagna e del tortellino, delle sfoglie e del ragù, e di tutto quel patrimonio di piatti tipici emiliani e prodotti tipici romagnoli che nell’immaginario comune sono la summa del buon mangiare.

Non è dunque difficile stupirsi quando si pensa alla quantità di piatti tipici dell’Emilia Romagna che fanno parte integrante dei prodotti tipici italiani a tutto tondo.

Prodotti tipici emiliani

La lista potenziale dei prodotti tipici emiliani rasenta l’enormità, ed è dunque molto difficile individuare il tutto in poche frasi. Tra questi capolavori del gusto possiamo citare, in maniera puramente esemplificativa, il pasticcio di maccheroni alla ferrarese, i passatelli in brodo, la piadina, i savoiardi, la sfogliata (anche detta torta degli Ebrei) e la spongata di Busseto.

Per quanto riguarda la pasta, poi, i cappellacci di zucca, le tagliatelle (sia dolci che salate) e gli strozzapreti completano un quadro fatto anche dalle già citate lasagne.

Piatti tipici Emilia Romagna

Quando parliamo di piatti tipici dell’Emilia Romagna è forse più conveniente analizzare il profilo gastronomico provincia per provincia, quando non addirittura città per città.

Se Ferrara è la città della salama da sugo, del melone e dell’aglio a Modena è d’uopo usare l’aceto balsamico, a Parma produrre il Parmigiano e il prosciutto cotto, mentre Bologna si conferma madre della pasta.

Leggi tutto

Monta su

Monta su

Il monta su è un prodotto tipico di alcune regioni del Nord-Italia. Si tratta di una preparazione a base di farina, acqua, strutto e sansa di olive, simile a un cracker e per consistenza a un grissino. Lo si utilizza come spuntino, ed è molto...

Pagnotta pasquale

Pagnotta pasquale

La pagnotta pasquale è un dolce tipico dell’Emilia Romagna. Come suggerisce il nome si prepara nel periodo di Pasqua, prevalentemente nelle province di Forlì-Cesena e Rimini. Dalla preparazione piuttosto facile, è un “dolce povero”...

Minestra del paradiso

Minestra del paradiso

La minestra del paradiso è un prodotto tipico dell’Emilia Romagna. Si tratta di una preparazione piuttosto semplice e adatta soprattutto ai mesi invernali. Ha molte affinità con la stracciatella, un piatto simile che si realizza a Roma e nella...

Amaretti

Amaretti

Gli amaretti sono dei biscotti leggeri, prodotti in moltissime località del Piemonte, ma soprattutto nel Piemonte sud-orientale. Sono dolci antichissimi di cui rivendicano la paternità, oltre al Piemonte, anche la Liguria, l’Emilia Romagna e...

Amaretti di Spilamberto

Amaretti di Spilamberto

Gli amaretti di Spilamberto sono un dolce tipico della tradizione emiliana. Spilamberto, comune della provincia di Modena, sorge in una zona di transizione tra le propaggini dell’Appennino toscoemiliano e la Pianura Padana, alla confluenza del...

Fave dei morti

Fave dei morti

Le fave dei morti sono dei dolcetti secchi alle mandorle di forma ovale, diffusi in più regioni italiane. Si possono ritrovare, principalmente, tra Umbria, Lazio ed Emilia Romagna. Cenni storici e curiosità Prodotto dolciario di forma tondeggiante...

Salama da sugo e purè

Salama da sugo

Carne suina macinata (coppa fresca, lingua e fegato), aromi naturali, spezie e vino rosso corposo secco.   Territorio interessato alla produzione: Poggio Renatico   Cenni storici e curiositàHa origini antichissime ed è citata...

Anisetta (anice verde)

Anisetta

L’anisetta è un prodotto tipico della distilleria emiliana. Si realizza con una base di anice verde (la pianta botanicamente detta Pimpinella anisum), ed è generalmente servita a fine pasto. Il territorio di produzione corrisponde massimamente...

Crescioni

Crescioni

I crescioni, o crescione romagnolo, sono dei prodotti della panetteria emiliano-romagnola, realizzati secondo una ricetta che ricorda vagamente quella della piadina romagnola. L’area di produzione dei crescioni corrisponde alla provincia di...

Seguici su Facebook