Prodotti tipici del Lazio

Home » Prodotti » Pagina 52

prodotti tipici laziali trovano nella città di Roma il loro cardine principale, ma non l’unico. Benché la cucina dell’Urbe sia universalmente riconosciuta per i suoi piatti e le ricette, non è solo la Capitale a detenere lo scettro del gusto.

Tanti, infatti, sono i prodotti tipici del Lazio che a vario titolo hanno ottenuto un riconoscimento, dai PAT alle varie denominazioni IGP/DOP (IGT/DOC/DOCG nel caso dei vini). Solo per quanto riguarda i Prodotti agroalimentari tradizionali, infatti, si contano quasi 350 denominazioni validate.

Queste riguardano, a vario titolo, i cibi tipici del Lazio tra prodotti di origine animale, preparazioni a base di pesce e di carne, dolci, prodotti di pasticceria, frutta, verdura e quant’altro.

I piatti tipici del Lazio

Tra i piatti tipici laziali è impossibile non citare la pasta all’amatriciana (originaria del comune reatino di Amatrice, al confine con Marche e Abruzzo), la gricia, ma anche nei secondi la trippa alla romana e la coda alla vaccinara.

Fanno parte del novero di prodotti tipici romani anche il carciofo alla Giudia, preparato secondo una ricetta di origine ebraica, e i fagioli con le cotiche, vera bontà che unisce terra e norcineria.

E sempre in fatto di norcineria, Ariccia è la città della porchetta IGP, un prodotto a base di carne di maiale che viene arricchita da molte spezie e cotta al forno in modo da darle una crosta croccante e saporita.

Tra i formaggi laziali citiamo invece la ciambella di Morolo, così come il conciato di San Vittore e il parimenti gustoso pecorino di Amatrice, che ritroviamo proprio nella ricetta dell’amatriciana.

Dolci del Lazio

Una tradizione molto diffusa nel Lazio è quella delle ciambelle: tondi di impasto, più o meno grandi, vengono preparati aggiungendo vino, zucchero o altri ingredienti.

A Veroli si prepara la ciambella all’anice, a Sermoneta si usano le ciambelle di magro, a Rocca di Papa è d’uso la ciambella degli sposi, legata a una antica tradizione di buon auspicio per i novelli sposi.

Sempre il mondo dei forni ci restituisce poi il Pane di Genzano IGP, primo in Italia a ottenere l’indicazione geografica protetta, la panicella di Sperlonga e il gustoso Pane di Veroli.

Leggi tutto
Pancetta crudo bauletto

Pancetta crudo bauletto

Il Prosciutto crudo "bauletto", il cui peso finale è mediamente 6 kg, presenta una caratteristica forma a bauletto, privo dello zampetto, disossato e con uno spessore di grasso non superiore ai 2 cm. La...

Mortadella di manzetta maremmana

Mortadella di manzetta maremmana

Salume cotto (mortadella) a grana finissima, a base di carne di bovino maremmano, grasso suino tagliato a cubetti o lardelli, sale, pepe nero, pistacchi ed aromi naturali. La forma è cilindrica, il colore...

Lardo del campo di Olevano Romano

Lardo del campo di Olevano Romano

Il lardo del campo si ottiene dal grasso suino sottocutaneo prelevato a livello del dorso. Il lardo, sottoposto a salatura a secco con sale fino e grosso ed aromatizzato con pepe nero, noce moscata, aglio fresco...

Lardo (di Leonessa, di San Nicola)

Lardo (di Leonessa, di San Nicola)

Lardo di Leonessa: Lardo di forma parallelepipeda, stagionato per 90 gg, sottoposto a salatura a secco ed aromatizzato. La materia prima deriva dal lardo di schiena e di pancia, ricavato dalla carcassa del suino.  ...

Guanciale amatriciano

Guanciale amatriciano

Guancia di suino stagionata di forma triangolare composta di parte magra e grassa. Ingredienti: gola rifilata di suino pesante nazionale (circuito Parma o del Gran Suino Padano), sale, saccarosio, aromi naturali ( aglio...

Filetto di Leonessa

Filetto di Leonessa

Il filetto di Leonessa presenta forma parallelepipeda e colore interno bianco roseo screziato di rosso. Per la sua preparazione la materia prima deriva da suini nazionali pesanti alimentati a secco.   Aree di...

Rattafia ciociara

Rattafia ciociara

Si tratta di un liquore a base di amarene selvatiche (visciole) raccolte in ambienti incontaminati e lontani da fonti di inquinamento. Si caratterizza per una gradazione alcolica variabile 20°-22° in quanto...