Prodotti tipici delle Marche

Home » Prodotti » Pagina 23

Il numero di prodotti tipici marchigiani è cresciuto progressivamente nel corso dei secoli, ma già a fine Settecento, con il volume Il cuoco maceratese si ebbe la dimostrazione di quanto potesse essere ricca la cucina di questa regione.

Ispirandosi alle tradizioni culinarie delle regioni vicine, in particolare Abruzzo, Umbria e Lazio, quella marchigiana è una cucina fatta soprattutto di salumi, formaggi e di prodotti della panetteria.

Piatti tipici marchigiani

Tra i piatti tipici delle Marche figurano sia ricette povere che più elaborate: è il caso della dicotomia esistente tra i vincisgrassi e e i frescarelli. Se i primi sono una sfoglia condita con un corposo ragù, infatti, i secondi sono delle piccole palline di impasto acqua e farina condite solamente con una salsa di aglio e pecorino.

Il fritto è molto utilizzato in tutta la regione, come dimostra il piatto tipico delle Marche per eccellenza, le olive ascolane. Tipiche di Ascoli Piceno, vennero inventate nel XIX secolo per riciclare i vari tagli di carne e l’abbondanza di olive presenti sul territorio.

Legato alla tradizione contadina è invece il ciauscolo, che viene fatto risalire addirittura all’epoca romana, quando veniva chiamato “cibusculum”, ovvero cibo di piccole dimensioni.

Insieme alla nduja calabrese e alla luganega, rappresenta uno dei salumi morbidi della tradizione culinaria italiana, arricchito di aromi e servito sia come antipasto, spalmato sul pane o per arricchire primi e secondi piatti.

Dolci marchigiani

Le Marche hanno una lunga tradizione anche in fatto di dolci, a iniziare dal sanguinaccio, che deriva da una ricetta medievale nella quale era previsto l’uso del sangue maiale (la legge italiana ne vieta il consumo alimentare dal 1992).

Da provare anche il Frustingo, anch’esso prodotto con gli scarti della lavorazione del maiale (ossa, carni, sangue), oltre a miele, frutta secca e aromi.

Di più facile consumo, soprattutto per chi è poco avvezzo agli ingredienti di origine animale, il pane alle noci che si mangia a Natale, i dolci di Carnevale e i maritozzi

Leggi tutto
Lacrima di Morro d’Alba DOC

Lacrima di Morro d’Alba DOC

Zona di produzione: l'intero territorio comunale di Morro d'Alba, Monte S. Vito, S. Marcello, Belvedere Ostrense, Ostra e Senigallia, in provincia di Ancona. Sono da considerare idonei i vigneti ben esposti, con...

Caciotta vaccina al caglio vegetale

Caciotta vaccina al caglio vegetale

Forma cilindrica, facce piane, crosta morbida, di colore giallo paglierino.Pasta compatta con rare occhiature. Sapore pieno, pastoso, con sentore di fermenti lattici vivi.Il formaggio ottenuto con il caglio vegetale...

Amarena di Cantiano

Amarena di Cantiano

Materia prima: visciole.Tecnologia di lavorazione: le ciliege, raccolte e ripulite dai gambi, vengono calibrate tramite setaccio e denocciolate. Si fanno cuocere nel loro liquido di governo aggiungendo lo zucchero...

Paccucce di Colmurano

Paccucce di Colmurano

Vasetti di vetro contenenti spicchi di mele o pere. Costipati, affogati in “vino cotto”.   Territorio interessato alla produzione: Comune di Colmurano (MC)   Cenni storici e curiositàGli...

Miele del Montefeltro

Miele del Montefeltro

Il miele del Montefeltro può essere sia millefiori che di acacia.   Territorio interessato alla produzione: 49 comuni della Provincia di Pesaro e Urbino: Acqualagna, Apecchio, Auditore, Barchi, Belforte...