Prodotti tipici delle Marche

Home » Prodotti » Pagina 3

Il numero di prodotti tipici marchigiani è cresciuto progressivamente nel corso dei secoli, ma già a fine Settecento, con il volume Il cuoco maceratese si ebbe la dimostrazione di quanto potesse essere ricca la cucina di questa regione.

Ispirandosi alle tradizioni culinarie delle regioni vicine, in particolare Abruzzo, Umbria e Lazio, quella marchigiana è una cucina fatta soprattutto di salumi, formaggi e di prodotti della panetteria.

Piatti tipici marchigiani

Tra i piatti tipici delle Marche figurano sia ricette povere che più elaborate: è il caso della dicotomia esistente tra i vincisgrassi e e i frescarelli. Se i primi sono una sfoglia condita con un corposo ragù, infatti, i secondi sono delle piccole palline di impasto acqua e farina condite solamente con una salsa di aglio e pecorino.

Il fritto è molto utilizzato in tutta la regione, come dimostra il piatto tipico delle Marche per eccellenza, le olive ascolane. Tipiche di Ascoli Piceno, vennero inventate nel XIX secolo per riciclare i vari tagli di carne e l’abbondanza di olive presenti sul territorio.

Legato alla tradizione contadina è invece il ciauscolo, che viene fatto risalire addirittura all’epoca romana, quando veniva chiamato “cibusculum”, ovvero cibo di piccole dimensioni.

Insieme alla nduja calabrese e alla luganega, rappresenta uno dei salumi morbidi della tradizione culinaria italiana, arricchito di aromi e servito sia come antipasto, spalmato sul pane o per arricchire primi e secondi piatti.

Dolci marchigiani

Le Marche hanno una lunga tradizione anche in fatto di dolci, a iniziare dal sanguinaccio, che deriva da una ricetta medievale nella quale era previsto l’uso del sangue maiale (la legge italiana ne vieta il consumo alimentare dal 1992).

Da provare anche il Frustingo, anch’esso prodotto con gli scarti della lavorazione del maiale (ossa, carni, sangue), oltre a miele, frutta secca e aromi.

Di più facile consumo, soprattutto per chi è poco avvezzo agli ingredienti di origine animale, il pane alle noci che si mangia a Natale, i dolci di Carnevale e i maritozzi

Leggi tutto
Carciofo monteluponese o Scarciofeno

Carciofo monteluponese o Scarciofeno

E' composto da un rizoma fibroso dalle cui gemme si sviluppano fusti ramificati.Il fusto principale presenta alla sommità un capolino, costituito da un ricettacolo e da diverse brattee terminanti con una spina...

Casciotta di Urbino DOP

Casciotta di Urbino DOP

Materia prima: tre quarti di latte ovino, un quarto vaccino; razza: Sarda e Appenninica, Bruna. Alimentazione: pascolo estensivo naturale integrato da mangimi.Tecnologia di lavorazione: è la stessa usata per la Caciotta...

Pane di ghianda

Pane di ghianda

Composizione:a. Materia prima: farina di ghiande, acqua, lievito naturale, sale.b. Coadiuvanti tecnologici: c. Additivi:Tecnologia di lavorazione: le ghiande venivano bollite in acqua per un'intera giornata. Poi si...

Visciolata

Visciolata

Materia prima: visciole, vino, zucchero, cannella, chiodi di garofano.   Territorio interessato alla produzione: Nella provincia di Pesaro e Urbino, in particolare nelle 4 Comunità Montane, del Montefeltro...

Colli Pesaresi DOC

Colli Pesaresi DOC

Zona di produzione: la fascia collinare della provincia di Pesaro. Sono da considerarsi idonei i terreni di giacitura ed orientamento adatti, con esclusione di quelli di fondovalle.Vitigni: Sangiovese 85%, Montepulciano...

Pecorino in botte

Pecorino in botte

La materia prima è rappresentata da Pecorino per il quale si rimanda all'apposita scheda. Si predilogono pezzature medio-piccole. Il prodotto presenta esternamente una colorazione scura con una leggera crosta...

Salame di soprassato o soppressato

Salame di soprassato o soppressato

Carne suina con tagli pregiati di spalla, braciole, fondello di capocollo, con aggiunta di pancetta e grasso nella misura del 20 %.Salame semimorbido con profumo e sapori spiccati.   Territorio interessato alla...