Prodotti tipici della Valle d'Aosta

Home » Prodotti

In un territorio fortemente montano, quasi isolato rispetto alle regioni confinanti, è chiaro che lo sviluppo dei prodotti tipici Valle d’Aosta ha seguito delle regole univoche, difficilmente traslabili in altri contesti geografici ovvero culturali.

L’assenza di alcuni ingredienti cardine della cucina italiana, come il frumento e l’olio (sostituiti rispettivamente dalla segale e dal burro), fa sì che la cucina valdostana possa essere più facilmente assimilata a quella delle vicine regioni franco-elvetiche come la Savoia e il Vallese.

I prodotti tradizionali, e i derivati piatti tipici valdostani, si caratterizzano dunque per la presenza molto intensa di cerealiformaggi bovini e caprini e carni da essi derivate, verdure e tuberi quali patate, rape, cipolle e frutta come castagne, pere e mele.

La zuppa valdostana

Detta anche seupetta à la valpelleunèntse, questa preparazione – un primo piatto che all’occasione diventa piatto unico – è a base di cavolo verza, fontina e pane, il tutto cotto nel brodo di carne. Si tratta di un piatto al quale i valdostanti tengono molto, e con ingredienti “sacri”, poiché la Fontina DOP fa parte dei prodotti tipici della Valle d’Aosta.

Un prodotto che segna uno dei pochi contatti tra la Valle d’Aosta e le altre regioni italiane (nella fattispecie Piemonte, Abruzzo e Molise) è la ratafià, un liquore preparato con basi di frutta che viene ulteriormente prodotto anche in Catalogna e in Francia.

Piatti tipici Valle d’Aosta

Tra i piatti tipici della Valle d Aosta troviamo la chnéfflene, dei tondi di pasta all’uovo addizionata con il latte e condita con una fonduta arricchita da panna e speck.

Non solo la polenta, ma anche la seupetta de Cogne, che a differenza della zuppa valdostana classica è fatta con il riso, ma anche la minestra di porri puarò, la carbonade (carne bovina con salsa di vino, uovo e spezie), la trota bollita con limone e patate e le crêpes, anch’esse realizzate con la font

In un territorio fortemente montano, quasi isolato rispetto alle regioni confinanti, è chiaro che lo sviluppo dei prodotti tipici Valle d’Aosta ha seguito delle regole univoche, difficilmente traslabili in altri contesti geografici ovvero culturali.

L’assenza di alcuni ingredienti cardine della cucina italiana, come il frumento e l’olio (sostituiti rispettivamente dalla segale e dal burro), fa sì che la cucina valdostana possa essere più facilmente assimilata a quella delle vicine regioni franco-elvetiche come la Savoia e il Vallese.

I prodotti tradizionali, e i derivati piatti tipici valdostani, si caratterizzano dunque per la presenza molto intensa di cereali, formaggi bovini e caprini e carni da essi derivate, verdure e tuberi quali patate, rape, cipolle e frutta come castagne, pere e mele.

La zuppa valdostana

Detta anche seupetta à la valpelleunèntse, questa preparazione – un primo piatto che all’occasione diventa piatto unico – è a base di cavolo verza, fontina e pane, il tutto cotto nel brodo di carne. Si tratta di un piatto al quale i valdostanti tengono molto, e con ingredienti “sacri”, poiché la Fontina DOP fa parte dei prodotti tipici della Valle d’Aosta.

Un prodotto che segna uno dei pochi contatti tra la Valle d’Aosta e le altre regioni italiane (nella fattispecie Piemonte, Abruzzo e Molise) è la ratafià, un liquore preparato con basi di frutta che viene ulteriormente prodotto anche in Catalogna e in Francia.

Piatti tipici Valle d’Aosta

Tra i piatti tipici della Valle d Aosta troviamo la chnéfflene, dei tondi di pasta all’uovo addizionata con il latte e condita con una fonduta arricchita da panna e speck.

Non solo la polenta, ma anche la seupetta de Cogne, che a differenza della zuppa valdostana classica è fatta con il riso, ma anche la minestra di porri puarò, la carbonade (carne bovina con salsa di vino, uovo e spezie), la trota bollita con limone e patate e le crêpes, anch’esse realizzate con la fontina.

Leggi tutto
Brossa

Brossa

La brossa è un prodotto tipico della Valle d’Aosta, che viene prodotto nel corso della lavorazione di alcuni formaggi, come ad esempio la Fontina. Si tratta, sostanzialmente, di una crema di latticini realizzata...

Olio di noci

Olio di noci

Territorio interessato alla produzione: intero territorio della Regione Autonoma della Valle d’Aosta   Descrizione sintetica del prodotto:Olio estratto dalla spremitura di noci raccolte da noceti presenti sul...

Lardo d'Arnad

Lardo d’Arnad DOP

Il lardo d’Arnad DOP è un prodotto tipico della Valle d’Aosta, che viene realizzato in una ristretta zona corrispondente ai comuni di Arnad, Verres e Bard. Tecnologia di preparazione del Lardo d’Arnad...

Fontina DOP

Fontina DOP

La fontina DOP è un formaggio tipico della Valle d’Aosta, che viene prodotto secondo un disciplinare approvato addirittura nel 1955. La sua storia, in ogni caso, è molto più antica e viene fatta risalire al XIII...

Toma di Gressoney

Toma di Gressoney

La toma di Gressoney è un prodotto tipico valdostano. Prende il suo nome dal comune di Gressoney-La-Trinité, ed è una tipologia di formaggio che richiama da vicino la toma piemontese. Scheda prodotto. Toma di Gressoney...

Séras

Séras

Ultimo sottoprodotto della lavorazione del latte, dopo il formaggio e la “brossa”. Viene ottenuto mediante una coagulazione secondaria e acidificazione del siero, provocata rapidamente per riscaldamento. In tal modo...

Saouseusse

Saouseusse

Territorio interessato alla produzione: intero territorio della Regione Autonoma della Valle d’Aosta   Descrizione sintetica del prodotto:Insaccati ottenuti unendo tra di loro alimenti di natura animale...

Grappa della Valle d’Aosta

Grappa della Valle d’Aosta

Descrizione sintetica del prodotto: distillato di vinacce fermentate. La grappa è l’acquavite ricavata dalle vinacce (ossia dalle bucce degli acini d’uva una volta separate dal mosto o dal vino)...

Seupa à la Vapelenentse

Seupa à la Vapelenentse

Territorio interessato alla produzione: Comune di Valpelline, Regione Autonoma Valle d’Aosta   Descrizione sintetica del prodotto:Elaborazione gastronomica a base di pane bianco “brutto e buono”...