Veneto

prodotti tipici veneti si inseriscono in un contesto geografico e culturale molto particolare: sin dal passato, il Veneto non era pienamente unito a livello geografico e politico, e per questo molte città hanno subito, nel tempo, influenze diverse.

Se le zone più alte gravitavano intorno ai governi mitteleuropei, e molte città della Gardesana hanno ricevuto una certa influenza meneghina, Venezia e la sua laguna hanno mantenuto una tradizione autentica e salda.

Tutto ciò si è traslato anche nella trasmissione delle ricette e delle eccellenze venete, che solamente in epoca contemporanea hanno assunto la fama a loro veramente attribuibile per la qualità e la quantità dei prodotti tipici presenti.

I piatti tipici del Veneto

Per parlare dei piatti tipici veneti non possiamo non fare un accenno al ruolo di Venezia. Sin dal XIII secolo, il continuo espandersi politico e geografico della Serenissima ha reso il Veneto un centro di influenza anche dal punto di vista della gastronomia.

Le spezie, financo lo zucchero, ma anche il mais di origine americana furono diffusi in Italia e in Europa grazie alla sagacia veneziana, e se la polenta nel Cinquecento era già diffusa in tutta la regione, nelle altre zone arrivò ben dopo il Seicento.

Lo stesso può dirsi per il riso, la cui coltivazione veneta risale al 1630, soprattutto tra Vicenza e Verona.

Proprio polenta e baccalà può essere considerato, alla stregua delle sarde in saòr, un piatto tipico del Veneto a tutto tondo. Peraltro molte di queste ricette, come quelle a base di radicchio, il fegato con le cipolle o i manai, sono preparati con una base di prodotti alimentari tradizionali dell’agricoltura e dell’allevamento regionale.

Prodotti tipici del Veneto

I prodotti tipici veneti più importanti si suddividono in:

  • Carni, quali la pecora alpagota, il pastin, l’oca padovana e la gallina padovana
  • Formaggi, quali il Morlacco, il Renàz, la tosella e il Piave
  • Vegetali, come l’aglio del medio Adige, il radicchio tardivo di Treviso, il peperone di Zero Branco e la patata di Montagnana
  • Paste e panetteria, tra le quali i bigoi, la colomba pasquale, il pandoro di Verona (tra i maggiori esempi di dolci tipici veneti e diffuso in tutta Italia)
Leggi tutto
Sappada

Sappada

Materia prima: latte intero o prevalentemente intero, ad elevato tenore di grasso, da razza Bruno-alpina. Alimentazione: foraggio fresco o fieno della zona.Tecnologia di lavorazione: si porta il latte crudo a 32 gradi, aggiungendovi caglio di...

Formaggio malga bellunese

Formaggio malga bellunese

Territorio interessato alla produzione: Provincia di Belluno.La storia: Il formaggio Malga bellunese è il tipico prodotto caseario ottenuto nei mesi d'alpeggio con il latte delle mucche al pascolo. Si rifà dunque all'antica tradizione di attività...

Speck del Cadore

Speck del Cadore

Territorio interessato alla produzione: Provincia di BellunoLa storia: Nell'Agordino, come in tutte le vallate montane del Veneto, si tramanda da secoli la tradizione della produzione dello speck. Questo salume, prodotto con le cosce salate e...

Pendole

Pendole

Territorio interessato alla produzione: Provincia di Belluno, e in particolare nelle zone di Zoldo e di Longarone.La storia: “In passato tutte le potenzialità produttive della pecora erano sfruttate per garantire la sopravvivenza e qualche introito...

Patata di Cesiomaggiore

Patata di Cesiomaggiore

Territorio interessato alla produzioneComuni di Cesiomaggiore, Feltre, Pedavena, Santa Giustina Bellunese, San Gregorio nelle Alpi, in provincia di Belluno.Descrizione del prodottoTubero appartenente alla famiglia delle Solanacee, si presenta di...