Home » Prodotti » Piemonte » Torino » Castagne delle Valli di Lanzo

Castagne delle Valli di Lanzo

CONSOLIDATE NEL TEMPO: Sul territorio delle Valli di Lanzo, sono presenti dei castagneti appartenenti a vecchie varietà locali ancora coltivate e commercializzate. Tra queste, si segnalano, in ordine di importanza e diffusione:
Il lavoro ha interessato anche la Comunità Montana Valli di Lanzo e sono state individuate sei cultivar locali: Viri, Viri Tardivo, Qua, Spinacorta, Tempurive e Riundette.

ZONA DI PRODUZIONE: I castagneti nelle Valli di Lanzo vegetano, normalmente, in una fascia altimetrica compresa tra i 500 e i 900 m (orizzonte sub-montano) coincidente con i comuni di media e bassa valle, spingendosi fino ai 1.000 metri di quota e, in alcuni casi sporadici, anche oltre.

INDICATO NELLA PRESENTE SCHEDA: Le castagne non subiscono alcun trattamento di conservazione.

DESCRIZIONE DEI LOCALI DI CONFEZIONAMENTO E/O DI CONSERVAZIONE: I locali per la conservazione sono costituiti da magazzini e/o cantine in regola con le attuali normative riguardanti l’igiene degli alimenti, ove il prodotto viene collocato in attesa del consumo o dell’eventuale vendita.

VENTICINQUE ANNI DEL PRODOTTO ORTOFRUTTICOLO INDICATO NELLA PRESENTE SCHEDA: Coltura antica, considerata un tempo “il pane dei poveri”, ha rappresentato, nel passato e in tutte le aree montane, una risorsa molto importante dalla quale si utilizzava il frutto, il legname e anche le foglie, impiegate come strame per gli animali.

Bibliografia:

FONTE: B.U.R. Piemonte, Supplemento al numero 23 – 6 giugno 2002