Home » Prodotti » Sicilia » Catania » Ciliegia dell’Etna DOP

Ciliegia dell’Etna DOP

Descrizione:
La DOP Ciliegia dell’Etna è attribuita ai frutti del ciliegio dolce “Prunus avium L.” famiglia delle rosaceae. Ecotipo Mastrantonio/i nota anche come Donnantonio/i.
Si presenta di colore rosso brillante, di pezzatura medio-grossa, croccante all’esterno, una polpa molto compatta all’interno e peduncolo lungo.
Il frutto è dolce, ma non stucchevole, la bassa acidità conferisce un sapore molto gradevole ed equilibrato.


Categorie di vendita:

Extra (E): frutti di peso > 8,5 grammi;
1 ^ Categoria: frutti di peso compreso tra 7 ed 8,5 grammi


Zona di produzione:

Provincia di Catania: la zona di produzione della DOP. si estende dal mare Ionio fino ad altitudini di 1 600 metri s.l.m. sui versanti Est e Sud-Est dell’Etna e comprende il territorio amministrativo dei Comuni di: Giarre, Riposto, Mascali, Fiumefreddo di Sicilia, Piedimonte Etneo, Linguaglossa, Castiglione di Sicilia, Randazzo, Milo, Zafferana Etnea, S. Venerina, Sant’Alfio, Trecastagni, Pedara, Viagrande, Nicolosi, Ragalna, Adrano, Biancavilla, Santa Maria di Licodia, Belpasso, Aci S. Antonio, Acireale.


Stagionalità:

GIUGNO-LUGLIO


Tecniche di coltivazione:

Preparazione dei terreni noti come «terre scatinate», ovvero i terreni derivanti dalle opere di dissodamento delle lave, le tecniche di coltivazione che prevedono pratiche di innesto a “sgroppo” o a “pezza” e la tecnica di raccolta manuale con l’utilizzo di scale a trenta pioli e con ceste note come “panari”. La densità di piantagione massima ammessa è di 625 piante per ettaro.


Confezionamento:

La parte visibile del contenuto dell’imballaggio deve essere rappresentativa dell’insieme.
All’esterno di ogni imballaggio devono essere riportate oltre al logo della denominazione, al simbolo grafico comunitario e relative menzioni, le informazioni corrispondenti ai requisiti di legge: il nome, la ragione sociale e l’indirizzo del confezionatore, la categoria commerciale, nonché l’eventuale nome delle aziende da cui provengono i frutti, il peso netto all’origine, la data di confezionamento.


Immissione sul mercato:

Giugno-Luglio


Deperibilità:

Conservato in frigorifero; consumato entro 1-2 giorni


Effetti Benefici:

Ricco di vitamine A e C, di calcio, ferro, potassio, di antociani che proteggono il cuore e di antiossidanti che rallentano l’invecchiamento di tessuti e cellule


Modalità di Consumo:

Consumata fresca o utilizzata come ingrediente per la preparazione di confetture, liquori e dolci.


Fonte:

http://www.fruttaetna.it/