Cipolla di Montoro

Cipolla di Montoro
Cipolla di Montoro, prodotto tipico di Montoro Inferiore (Avellino)

La cipolla di Montoro, altrimenti detta cipolla ramata di Montoro, è un prodotto vegetale che viene coltivato in una piccola zona della Campania, in provincia di Avellino.

Si tratta di una varietà specifica della famiglia delle Amaryllidaceae, alle quali appartiene appunto la cipolla. Le sue caratteristiche specifiche sono riconducibili non solo al colore, ma anche alle proprietà organolettiche che la rendono più facilmente digeribili rispetto alle altre varietà di cipolla.

Area di produzione della cipolla di Montoro

L’area di produzione della cipolla di Montoro (o cipolla ramata di Montoro) riguarda unicamente il comune di Montorio Inferiore, in provincia di Avellino.

Descrizione sintetica prodotto

La cipolla “Ramata di Montoro” presenta caratteristiche organolettiche particolarmente apprezzate sul mercato sia nazionale che estero, per il suo sapore dolce e la sua capacità di conservarsi a lungo.

Metodologia produttiva

  • Produzione in atto: attivo
  • Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive: le pratiche colturali nell’ultimo trentennio hanno conservato una certa tradizionalità e sono uniformemente diffuse sul territorio in esame. Lo stesso prodotto nell’arco di tutto questo tempo ha conservato, altresì, le sue caratteristiche di qualità, per certi versi migliorata anche dall’attuale possibilità di controllare in modo più efficace alcune fitopatie legate alla coltivazione della cipolla.
  • Costanza del metodo di produzione oltre 25 anni:

Descrizione delle metodiche di lavorazione, condizionamento, stagionatura

Dopo l’essiccazione fogliare in campo, il prodotto viene ammassato in appositi magazzini, costituiti da strutture in legno, ben ventilate, in attesa di essere poi commercializzato.

Il trapianto avviene in gennaio-febbraio; i concimi vengono dati in due tempi: concime complesso al trapianto ed azotati in copertura al momento della prima rincalzatura.

Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione

Seme accuratamente prodotto in azienda attraverso la selezione massale e quindi la scelta dei bulbi madre.

Riferimento bibliografico

Mappatura dei Prodotti Tipici e Tradizionali 2005 – Regione Campania, Settore Se.SIRCA.

Seguici su Facebook