Zona di Produzione
Secondo l’elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della Regione Emilia-Romagna, la zona di produzione èsarebbe da considerarsi l’intera Provincia di Reggio Emilia. In realtà una frittata del genere si ritrova regolarmente in tutto il territorio regionale.

Descrizione
Frittata con cipolle e parmigiano reggiano.

Materia Prima
Cipolle o cipollotti, uova, olio, sale, pepe e Parmigiano Reggiano.

Ricette

Iori Galluzzi M.A. – Iori N., Breve manuale del mangiar reggiano, Reggio Emilia, N. Iori, 1985, pag. 200
Zigulleda: Bisogna che consideriate un uovo a persona, 4 o 5 belle cipolle o cipollotti e parmigiano-reggiano grattugiato a volontà per una dose sufficiente a 3-4 persone. Rosolate bene le cipolle con olio,sale e pepe. Sbattere le uova con il parmigiano,scolare le cipolle dall’olio di cottura e mescolarle alle uova. Versare il composto nuovamente nella padella e portare a cottura sempre mescolando. L’aspetto della zigulleda dovrà essere molto simile alle cosiddette uova strapazzate.

Ferrrari M., Ricette e racconti della mia Reggio, Cadelbosco di Sopra, Conad Emilia ovest, 1993, pag. 109
Siguleda o cipollata.
Ingredienti: 4 uova, 4 o 5 cipollotti con gambo fresco, un cucchiaio scarso di farina, 2 manciate di grana, sale, pepe, olio q.b., 1 spruzzatina di aceto.
Versate nella padella l’olio, fate rosolare i cipollotti tagliati a rotelle con i gambi: devono appassire, scolateli dell’olio di cottura e lasciate raffreddare e, con calma, versateli in una terrina dove, in precedenza, avrete sbattuto a dovere le uova, la farina e il formaggio con sale e pepe.
Mescolate il tutto e rimettete nella padella dove l’olio sarà ancora caldo. Lasciate cuocere.
Togliete dal fuoco e spruzzate leggermente la siguleda con aceto, magari balsamico se ne disponete.

Seguici su Facebook