Home » Prodotti » Emilia Romagna » Bologna » Crescenta di Lizzo, Carsent d’Lizz

Crescenta di Lizzo, Carsent d’Lizz

Zona di produzione
Lizzo di Castel di Casio (BO)

Descrizione
Impasto senza lievito cotto tra due testi di argilla nel forno a legna.
Da notare che col termine “Crescenta” a Bologna ci si riferisce invece ad una focaccia, eventualmente condita con ciccioli o prosciutto. Mentre la Crescenta di Lizzo è in tutto simile alle tigelle, cotte però con dei testi particolari.
I testi di Lizzo realizzati con una terra speciale porosa che resistere al fuoco senza sbriciolarsi o rompersi. Il forno a legna ed una serie di strumenti inventati apposta dal Sig. Valdisserri per rendere più semplice la produzione e adatta ad un numero più consistente di commensali. Il prodotto non è conservabile ed è da consumare appena fatto poiché non avendo il lievito, appena si raffredda, perde la fragranza e l’elasticità diventando poco appetibile.

Materia prima
Farina biologica 00, acqua e sale quanto basta. Fondamentali i testi di Lizzo. Chiamati in regione teglie o tigelle.

Ricette
1 kg Farina biologica 00 – 600 ml di acqua – sale qb
Mescolare la farina e l’acqua con un pizzico di sale fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo. Fare dei salsicciotti e da questi ricavare delle palline. L’impasto arrotondato va schiacciato per formare dei dischi. Levati testi dal fuoco vanno alternati con l’impasto e ,dopo qualche secondo, si ottiene la prima cottura della Crescenta. La Crescenta, adesso, va messa nel forno a legna e con fiamma viva così da farla gonfiare e svuotare completamente.

Preparazione
Impastata la farina con acqua e sale si formano dei dischi del diametro di circa 13 cm. Intanto i testi sono nel fuoco ad arroventarsi sulla brace viva. E’ necessario scaldarli bene e quando arrivano a temperatura vanno impilati, uno sopra l’altro, per uniformare il calore (dentro al forno). In seguito, vanno levati dal fuoco e stesi su di una superficie piana (resistente al calore) per verificare la temperatura giusta. Quando il testo è caldo, ma non rovente….. e qui sta la maestria, bisogna alternare i dischi di impasto ai testi creando una pila. Lasciare agire qualche secondo per sigillare le superfici dell’impasto lasciando il bordo umido ed elastico. A questo punto bisogna levare il testo dalla Crescenta e finire la cottura della stessa in forno con fiamma viva. La parte ancora elastica e circonferenziale è quella che cuocendosi la farà svuotare e gonfiare la crescenta.

Cenni storici e curiosità
Nelle case di una volta c’erano i camini e i testi sempre sul fuoco così, con acqua e farina , in poco tempo e con pochissime materie prime, si otteneva un “pane” caldo che riscaldava le famiglie e nutriva dal duro lavoro dei campi. Con il tempo sono scomparse le cucine dalle case, i camini aperti con fiamma viva e con loro i testi e la Crescenta.
La Crescenta che, per varie ragioni, non gonfia e non si svuota, viene simpaticamente chiamata “Saracca”