Home » Prodotti » Veneto » Treviso » Radicchio di Treviso

Radicchio di Treviso

Radicchio di Treviso
Radicchio di Treviso, prodotto tipico veneto

Il radicchio di Treviso (rosso di Treviso IGP) è un prodotto tipico del Veneto.

Si tratta di una delle quattro cultivar principali del radicchio, insieme al radicchio di Chioggia, quello di Verona e al Variegato di Castelfranco.

Scheda prodotto. Radicchio di Treviso

  • Zona di produzione: La zona di produzione si estende a 17 comuni in provincia di Treviso, 2 in provincia di Padova e 5 in provincia di Venezia
  • Descrizione: Il Radicchio di Treviso (rosso tardivo) presenta germogli regolari, uniformi e dotati di buona compattezza; foglie serrate, avvolgenti che tendono a chiudere il cespo nella parte apicale. Il lembo fogliare è rosso vinoso intenso e ha sapore gradevolmente amarognolo e croccante nella consistenza. Il radicchio rosso precoce presenta un cespo voluminoso, allungato, ben chiuso, foglie caratterizzate da una nervatura principale molto accentuata di color bianco che si dirama nel rosso intenso del lembo fogliare, notevolmente sviluppato.
  • Peso: minimo 150 g
  • Lunghezza: dai 18 ai 25 centimetri
  • Sapore: le foglie hanno sapore leggermente amarognolo e consistenza mediamente croccante

Stagionalità

Il radicchio di Treviso rosso IGP è presente sul mercato nei mesi tra settembre e novembre per quanto riguarda la varietà precoce e da dicembre ad aprile per quanto riguarda la varietà tardiva.

Note storiche

La tecnica di forzatura necessaria per ottenere il prodotto finale tipico è stata utilizzata per la prima volta alla metà del XVI secolo. I semi del Radicchio Rosso di Treviso e del Variegato di Castelfranco sono andati anche in orbita sullo Shuttle nella missione STS-95 del 1998, nell’ambito del progetto Sem della Nasa, mirato alla sperimentazione sugli effetti della microgravità.

Riferimenti normativi

Prodotto IGP, Registrazione europea con regolamento CE 1263/96 pubblicato sulla G.U.C.E . L163/96 del 2 luglio 1996.