Home » Prodotti » Lombardia » Brescia » Salame di Montisola

Salame di Montisola

Salame di Montisola
Salame di Montisola (La foto è tratta dal sito www.lagoiseo.it. Tutti i diritti riservati)

Il salame di Montisola è un insaccato di carne suina stagionato e affumicato, che viene tradizionalmente prodotto nel territorio del Comune di Monte Isola, in Provincia di Brescia.

Monte Isola, che si trova sull’isola lacustre del Lago d’Iseo, è storicamente caratterizzata da un clima favorevole alla produzione dei salumi e a una corretta stagionatura, ed è ricca di prodotti enogastronomici di qualità.

Il prodotto è classificato dalle catalogazioni regionali come PAT, Prodotto agroalimentare tradizionale che viene riconosciuto all’interno della D.D.U.O. 18802/2018, Quattordicesima revisione dell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali di Regione Lombardia, così come approvato dall’Unità Operativa Sviluppo Innovazione e Promozione delle Produzioni e del Territorio.

Caratteristiche del salame di Montisola

Ciascun esemplare di salame di Montisola si presenta al pubblico finale con un peso variabile tra i 500 e gli 800 grammi, per un diametro di 5 cm circa e un colore tendenzialmente scuro (rosso intenso – marrone).

La produzione è affidata a un “pool” di pochi salumieri storici presenti sul territorio di Monte Isola, che utilizzano materie prime provenienti dalle zone circostanti seguendo un disciplinare interno non ufficialmente codificato, ma consolidato nella pratica abituale e storica.

Il salame vede l’impiego di carni di lonza, coppa, coscia e filetto di maiale (esclusivamente allevato e macellato in Italia), senza grassi aggiunti, che vengono tagliate esclusivamente al coltello, al fine di mantenere una consistenza a pezzi che è tipica di questo salume.

Dopo l’aggiunta di una mistura di vino e aglio, la salatura e la speziatura che impiega ingredienti diversi a seconda del produttore, si procede ad una affumicatura naturale tramite bruciatura di ulivi, alloro e ginepro, al fine di conferire un sapore speziato al prodotto.

Il prodotto viene infine fatto asciugare ricorrendo alla brezza naturale che spira sul Lago d’Iseo, al fine di ottenere una consistenza che, da vicino, potrebbe ricordare per cromatismi e venature quella della bresaola della Valtellina, altro prodotto tipico lombardo d’autore.