Prosciutto della Val d’Ossola

Condividi con:

Tecnologia di preparazione: il coscio di maiale, rifilato, viene messo sotto sale con aromi vari, poi lavato con vino aromatizzato con erbe locali (che variano da salumiere a salumiere e da famiglia a famiglia) asciugato, e messo ad affumicare per almeno due settimane in locali dove vengono bruciate, su appositi bracieri, bacche di ginepro e faggio ed essenze varie.

a) Materia prima: coscio di maiale di razze locali, ma anche provenienti da altri allevamenti.
b) Coadiuvanti tecnologici: sale, pepe, noce moscata, cannella, garofano, alloro, rosmarino, ginepro, faggio, vino.
c) Additivi:

Maturazione: circa un mese.

Periodo di stagionatura: oltre un anno.

Area di produzione: Val d’Ossola, in provincia di Novara. Un prosciutto simile si produce in tutte le zone montane del Piemonte.