Ricotta di capra

Condividi con:

Materia prima: latte siero residuo della lavorazione di formaggi caprini.

Tecnologia di lavorazione: si porta il siero a circa 80-90 gradi, aggiungendovi caglio di agnello in pasta. Formatosi il coagulo, dopo la rottura della cagliata, viene raccolto e posto in appositi cestelli forati a sgrondare. Si consuma freschissima.

Stagionatura: non si effettua quasi mai.

Caratteristiche del prodotto finito: pasta: di aspetto granuloso, colore bianco neve; grasso: quasi assente; sapore: leggermente acidulo.

Area di produzione: Val Luretta e Val Nure (PC).

Calendario di produzione: da aprile a novembre.

Note: è un prodotto molto digeribile e pare abbia le stesse proprietà del latte materno.