Sei al mare e non sai dove mangiare? Ora a dirtelo sarà un’app

Francesco Garbo  | 26 Lug 2023  | Tempo di lettura: 2 minuti

Quante volte ci siamo trovati in una località turistica di mare in cerca di un posto dove assaggiare la cucina del luogo? Quante volte però l’esperienza si è poi rivelata deludente? Ecco la soluzione, si chiama Cucinamare ed è la guida dei migliori locali in cui mangiare al mare scaricabile direttamente sul telefono.

Antonio Boco e Fabio Starnini sono gli ideatori di questa app che grazie anche a esperti enogastronomici, giornalisti e critici. “La guida nasce qualche anno fa, da una riflessione dettata dalla visita ad alcuni stabilimenti balneari con ristorazione”
spiega Antonio Boco. “Andando al mare ci siamo accorti che stava succedendo qualcosa un po’ in tutta Italia. Abbiamo più
85000 chilometri di costa e le attività sul litorale fanno parte dell’identità italiana: ogni zona o costa hanno le proprie caratteristiche. Quel che univa le diverse realtà era questo cambiamento in atto. Le strutture mantenevano le linee generali del passato, ma si modernizzavano, crescevano, guardavano al futuro, si rinnovano. E in tutto questo l’offerta della ristorazione cambiava, migliorando. L’offerta cresceva su tutti i fronti”.

Sono ben 180 indirizzi da provare perpranzi e cene ma anche aperitivi vista mare. “Al momento sono 180 indirizzi, ma vogliamo tenere alta l’asticella, allargare lo sguardo a quello che succede di nuovo e posti che scopriremo strada facendo. Nel futuro”anticipa“l’obiettivo è migliorarla, inserire nuovi locali o toglierne alcuni. Quello che vogliamo è una guida dinamica in cui poter trovare il meglio che il paese ha da offrire. Quindi stiamo continuando l’indagine, andando al mare, nelle prossime settimane inseriremo nuovi indirizzi per un’offerta articolata e importante della guida”.

“Cucinamare vuole essere una guida di servizio per tutti quelli che vogliono vivere una piacevole esperienza sul mare e sulla spiaggiama ci piaceva anche elencare i nostri luoghi del cuore dell’alta ristorazione come Uliassi, La Pineta, fino alla Torre del Saracino di Gennaro Esposito. È una sezione speciale che volevamo rappresentare perché l’Italia si caratterizza anche su un’alta ristorazione del mare e di mare. I Trabocchi sono una minuscola sezione, ma ci sembrava che in una parte di Italia (sud Abruzzo e nord Puglia, la cosiddetta Costa dei Trabocchi) ci sono questi luoghi che vivono di una veste nuova che è quella della ristorazione e rappresentano i concetti che vogliamo fare emergere nella guida. I locali che preferiamo sono quelli in cui la tradizione viene ripresa e rimodellata con le sue parti migliori in una versione moderna. E i trabocchi sono un pezzo di tradizione che viene portata nell‘attualità in chiave nuova e sotto una luce diversa”.

Francesco Garbo
Francesco Garbo

Sono un cuoco e un giornalista enogastronomico, cucino e parlo di cibo praticamente tutto il giorno. Vino e cibo sono le due vie migliori per conoscere una cultura, in modo gustoso.



Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur