Iginio Massari racconta la torta nuziale tra storia e simbologia | Paesi del Gusto

Iginio Massari racconta la torta nuziale tra storia e simbologia

Francesco Garbo  | 06 Giu 2023  | Tempo di lettura: 3 minuti

La torta nuziale è uno dei simboli del matrimonio, il taglio della torta condiviso dagli sposi a significare la condivisione, d’ora in poi, di tutte le esperienze della vita. Ma come nasce l’usanza della torta nuziale? Ce lo spiega Iginio Massari, il maestro pasticcere noto per le sue deliziose creazioni.

Tante le usanze, diverse anche da regione a regione, che si legano al matrimonio. Dal lancio del riso al lancio del bouquet di fiori da parte della sposa. La torta però è probabilmente il simbolo per eccellenza del matrimonio. Una prima curiosità risiede nella forma, tonda. La forma circolare è priva di divisioni e distanze, espressione di uguaglianza. Forma tonda che ritroviamo negli anelli, da anulus, qualcosa di ciclico e regolare.

La torta tradizionale inoltre ha più piani e anche dietro questa forma che si sviluppa in verticale c’è una spiegazione. La torta realizzata in altezza la rende visibile a tutti gli invitati e in questa forma ascensionale sono rappresentati tutte le fasi della vita, come se ogni piano della torta potesse rappresentare una tappa che gli sposi percorreranno insieme. Come accennato poco sopra è fondamentale anche il taglio della torta da compiere rigorosamente afferrando il coltello in due come in due saranno affrontate tutto ciò che la vita comporta. Andando indietro nel tempo fino a 100 anni fa il rito del taglio della torta era diverso rispetto a quello odierno. Infatti la tradizione prevedeva un primo taglio eseguito dallo sposo per poi essere completato dalla sposa. In ogni caso il coltello doveva essere impugnato in due con la mano destra della donna e la mano dell’uomo appoggiata sopra.

Indice dei contenuti

Usanze nel mondo antico

In Grecia ad esempio durante il banchetto nuziale veniva offerto alla sposa un dolce a base di miele, farina e sesamo accompagnato da una mela cotogna come buon auspicio per il matrimonio. Durante l’Impero Romano esisteva una tradizione legata alla torta nuziale che prevedeva che lo sposo sbriciolasse la torta a base di orzo, miele e frutta sulla testa della novella sposa. Nel Medioevo invece si cominciarono ad usare dolci con una sorta di glassa sopra. In Inghilterra si usava consumare dei biscotti ricoperti di lardo, ogni strato rappresentava la prosperità degli sposi.

Francesco Garbo
Francesco Garbo

Sono un cuoco e un giornalista enogastronomico, cucino e parlo di cibo praticamente tutto il giorno. Vino e cibo sono le due vie migliori per conoscere una cultura, in modo gustoso.



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur