Tra castelli e terme ecco dove mangiare in Val d’Elsa

Francesco Garbo  | 27 Nov 2023  | Tempo di lettura: 3 minuti

Tra Firenze e Siena c’è una zona fatta di colline, boschi e vigneti dove ci sono stupendi borghi da visitare, siamo in Val D’Elsa e tra castelli, terme e abbazie è davvero difficile scegliere da cosa iniziare per scoprire questo posto stupendo, ricco di vini e cibi eccezionali. Una zona apprezzata già dagli Etruschi, ha visto il suo sviluppo grazie alla Via Francigena che ancora oggi chiama turisti da tutto il mondo, pellegrini più che turisti, tutti coloro che amano scoprire i posto solo un passo alla volta, spinti dalla passione di esplorare quanto il territorio ha da offrire.

Tra borghi e antichi resti medioevali

Il Colle Val d’Elsa è anche noto per la città del cristallo, una tradizione secolare che oggi porta a una produzione che si aggira intorno al 95% dei cristalli prodotti in Italia e il 14% al livello mondiale. Molti i borghi da visitare come Monteriggioni, a 20 km da Siena, un borgo fantastico, protetto da 14 torri in epoca medievale e da imponenti mura medievali ancora oggi visibili, le stesse mura che colpirono Dante a tal punto da citare Monteriggioni nella Divina Commedia nel canto XXXI dell’Inferno. Un borgo rimasto bloccato nel tempo, qui il medioevo si respira grazie alle mura e alla chiesa in stile gotico. Medioevo ben presente anche a San Gimignano, non da meno con le torri che all’epoca erano 72, oggi solo 14. Un borgo iscritto alla lista del Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco grazie alla sua unicità.

I prodotti da non perdere

I prodotti tipici della zona non sono pochi, dal tartufo bianco alla cipolla rossa di Certaldo, immancabile ovviamente l’olio extravergine d’oliva Toscano IGP e i salumi come la finocchiona e tutti i salumi prodotti con la razza cinta senese tipica del luogo. Da non perdere poi i formaggi come il pecorino delle Balze Volterrane DOP.

Il Frantoio

Un posto molto particolare, caratterizzato da pietre e mattoni antichi, un vero frantoio antico, prova ne sono la macina e la pressa ancora ben conservate. Una cucina raffinata con abbinamenti creativi e non consueti come i fegatini con amarene e pistacchi o gli spaghetti con colatura di alici, capperi e crema di aglio nero affumicati. Le materie prime sono sempre fresche e disponibili secondo la stagionalità.

Da Pode

Siamo a San Gimignano in questo ristorante tipicamente toscano, sapori e profumi sono quelli della cucina di casa come nel caso della trippa e dell’immancabile ribollita e per la pasta fatta a mano, i pici. Olio e vini accompagnano le squisite proposte. In inverno è possibile mangiare riscaldati dal camino.

  • Dove si trova: località Sovestro 63, San Gimignano, 53037, Italia
  • Sito web: Dapode.com
Francesco Garbo
Francesco Garbo

Sono un cuoco e un giornalista enogastronomico, cucino e parlo di cibo praticamente tutto il giorno. Vino e cibo sono le due vie migliori per conoscere una cultura, in modo gustoso.



Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur