Umbria, il ristorante stellato aperto in un vecchio mulino è un viaggio indietro nel tempo

Maddalena  | 03 Lug 2024
[foto copertina account Instagram @ristoranteune/ solo uso editoriale]

Nel cuore dell’Umbria, una regione ricca di storia e tradizioni, si trova Une, un ristorante stellato che ha saputo trasformare un antico mulino in una destinazione culinaria di eccellenza. Questo luogo, un tempo fulcro della vita contadina, è oggi un santuario gastronomico che celebra la cucina umbra in tutte le sue sfaccettature. Guidato dal talentuoso chef Giulio Gigli, Une non è solo un ristorante, ma un vero e proprio viaggio indietro nel tempo, un’esperienza che unisce la bellezza del passato con l’innovazione del presente.

Une: un filo rosso tra passato e presente

Giulio Gigli[foto account Instagram @ristoranteune/ solo uso editoriale]
Giulio Gigli[foto account Instagram @ristoranteune/ solo uso editoriale]

Situato a Capodacqua di Foligno, Une è circondato da boschi, montagne e torrenti, in un paesaggio che sembra uscito da una cartolina d’altri tempi. Questo antico mulino e frantoio, risalente al ‘400 e al ‘600, è stato trasformato con cura e rispetto per la sua storia. Entrando, si viene accolti da un ambiente che conserva il fascino rustico delle sue origini: pareti in mattone, pavimenti in cotto grezzo, e tavoli in legno con una mise en place minimale.

L’accoglienza è calorosa e genuina, con una mappa dell’orto affissa al muro che mostra la dedizione del ristorante alla sostenibilità e alla stagionalità degli ingredienti. Il manifesto di Une recita infatti: “Il progetto gastronomico si snoda attraverso tre chiavi di lettura: la sostenibilità, che passa dal riutilizzo degli scarti in cucina e dell’orto, l’attenzione alla stagionalità degli ingredienti e le relazioni con produttori, clienti e gruppo cucina che sono al centro della cucina”.

Giulio Gigli: talento e tradizione

Une [foto @ristoranteune.com/ solo uso editoriale]
Une [foto @ristoranteune.com/ solo uso editoriale]

Giulio Gigli, lo chef di Une, ha un curriculum che parla da sé: Il Pagliaccio a Roma con Anthony Genovese, Le 1947 à Cheval Blanc con Yannick Alléno, Benu a San Francisco e Disfrutar a Barcellona. Quattro anni fa, pochi avrebbero immaginato che Gigli avrebbe scelto l’Umbria come palcoscenico per il suo talento, ma nell’agosto 2021, insieme alla compagna Lucile Kopczynski, ha inaugurato Une. Gigli porta con sé una visione chiara: combinare tecnica e creatività senza mai perdere di vista la gioia di chi siede a tavola.

Ogni piatto è pensato per esaltare i sapori locali, riducendo al minimo gli sprechi e celebrando le materie prime del territorio. Il risultato è una cucina contemporanea, sostenibile e accessibile, che riesce a stupire senza mai essere eccessiva. Il menù di Une riflette questa filosofia con due degustazioni principali: “Acquedotto” con sei portate a 75€ e “Relazioni” con otto portate a 95€. Per chi vuole un’esperienza completa, c’è il “Menu Completo” di dieci portate a 125€. Ogni piatto è un omaggio alla tradizione umbra, reinterpretato con maestria e rispetto.

La storia di Une e il suo legame con l’Umbria

Une [foto @ristoranteune.com/ solo uso editoriale]
Une [foto @ristoranteune.com/ solo uso editoriale]

La scelta di trasformare un vecchio mulino in un ristorante non è casuale. Capodacqua di Foligno è una frazione con più storia che abitanti, un crocevia di acque, commercio e uomini che ha sempre avuto un ruolo centrale nella vita della comunità. Questo legame con la tradizione e la storia locale è evidente in ogni dettaglio di Une. Fin dall’inizio, Giulio Gigli e il suo team hanno voluto creare un luogo che fosse un punto di riferimento per la comunità locale.

La carta dei vini, con oltre 270 etichette, e il menu che include piatti pensati per i bambini, riflettono questa volontà di accogliere tutti, dai gourmet agli abitanti del posto. La brigata di sala, tutta al femminile e guidata da Gaia Landrini e Federica Capodicasa, contribuisce a creare un’atmosfera di armonia e serenità. Ogni piatto racconta una storia, come il “Raviolo ripieno di baccalà mantecato, pil pil e succo di fagiolini” o il “Piccione di Capodacqua, agretti del nostro orto, gel di mela verde, vinagrette di colatura di alici”. Sono piatti che combinano ingredienti locali con tecniche moderne, offrendo un’esperienza culinaria che è sia un omaggio alla tradizione che una finestra sul futuro.

Scopri gli autentici sapori umbri

Une non è solo un ristorante, ma un viaggio nel tempo e nei sapori dell’Umbria. È un luogo dove la storia incontra l’innovazione, dove ogni piatto è un ponte tra passato e presente. Visitare Une significa immergersi in un’esperienza unica, dove la cucina è una forma d’arte che celebra la cultura e la tradizione umbra.

Se siete alla ricerca di un’esperienza culinaria che vi faccia scoprire la vera essenza dell’Umbria, Une è il luogo che fa per voi. Qui, ogni boccone è un viaggio, ogni piatto una storia da raccontare. Venite a scoprire Une e lasciatevi conquistare dalla magia di un ristorante che sa unire il meglio del passato con le innovazioni del presente.

[foto copertina account Instagram @ristoranteune/ solo uso editoriale; foto interne @ristoranteune.com/ solo uso editoriale]

Maddalena
Maddalena


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur