Val di Cornia DOC

Condividi con:

Zona di produzione: i comuni di Campiglia Marittima, Piombino, San Vincenzo, Suvereto, Sassetta e Monteverdi Marittimo, in provincia di Livorno e Pisa; per tutti i vini e’ obbligatoria una delle seguenti indicazioni geografiche (sottozone): Campiglia Marittima, Suvereto, San Vincenzo e Piombino

Vitigni: Bianco Val di Cornia Doc: almeno 50% di uve Trebbiano toscano, massimo 50% di Vermentino bianco con l’eventuale aggiunta (massimo 20%) di altre uve a bacca bianca della zona; Rosso: almeno il 50% di uve Sangiovese e al massimo il 50% di uve Cabernet Sauvignon e Merlot, a cui puo’ essere aggiunto il 20% di altre uve a bacca rossa della zona; il Rosato si ottiene dalle stesse uve utilizzate per il Rosso

Gradazione alcolica minima: Bianco e Rosato 11 gradi. Rosso 12 gradi.

Tipologie: Bianco, Rosso (anche Superiore e Riserva), Rosato, Ansonica, Cabernet Sauvignon (anche Superiore e Riserva), Ciliegiolo, Merlot (anche Superiore e Riserva), Sangiovese (anche Superiore e Riserva), Vermentino, Aleatico passito, Ansonica passito, Suvereto, Suvereto Cabernet Sauvignon, Suvereto Merlot, Suvereto Sangiovese

Caratteristiche organolettiche: Val di Cornia Bianco: colore giallo paglierino di limpidezza brillante; odore delicato piu’ o meno fruttato; sapore secco e fresco. Rosso: colore rosso rubino di buona intensita’, di limpidezza brillante; odore vinoso e delicato; sapore asciutto, vellutato, armonico, di buon corpo. Rosato: colore rosato, rosato tenue; odore vinoso, delicato piu’ o meno fruttato; sapore secco, fresco e gradevole.

Abbinamenti: Val di Cornia Bianco: panzanella, marzolino, minestra di riso, torta con acciughe, triglie alla livornese o polpi in galera. Rosso: secondi piatti a base di carne bianca, polpettone alla fiorentina, coniglio, fagioli al fiasco, scottiglia. Rosato: panzanella, crostini alla toscana, lardo di Colonnata, buristo, caciotta toscana, zuppa di lenticchie, fagioli, anguilla marinata

Riferimenti normativi: La Doc Val di Cornia è stata riconosciuta con DPR del 25.11.1989 pubblicato sulla GU del 16.07.1990

Video di Gusto