Vietato l’ingresso al ristorante ad una ragazza celiaca

Francesco Garbo  | 03 Mag 2023  | Tempo di lettura: 3 minuti

Qui non accettiamo i celiaci“. Così è stata accolta una giovane blogger in un ristorante in Toscana. La blogger si chiama Valentina Leporati o sui social Valentina Gluten Free ed è un influencer che quotidianamente condivide con suoi 77.600 follower consigli e ricette per coloro che sono celiaci. Purtroppo però un ristorante le ha vietato l’ingresso proprio perché celiaca.

Per la prima volta, la settimana scorsa, mi è stato detto da un ristorante “Qui non accettiamo i celiaci” racconta sui social Valentina “Non accettare qualcuno in un locale pubblico a causa della sua malattia è una grande forma di discriminazione. Il problema non è non poter offrire un pasto sicuro a chi ha esigenze alimentari non tradizionali, il problema è negare l’accesso ad un ristorante a chi sta solo chiedendo con gentilezza delle informazioni. Per chi è celiaco non è semplice l’iter della prenotazione al ristorante perché significa dover mettere in luce la propria malattia per sapere se il ristoratore è disponibile e preparato in materia. Ho scelto di non fare il nome del ristorante perché sono profondamente convinta che la pubblica gogna sia sbagliata tanto quanto il trattamento che mi è stato riservato. Ho scelto di dare luce al fatto per trasformare un brutto episodio in qualcosa di utile e costruttivo per chiunque”.

Cosa dice la legge a riguardo

La legge non prevede il divieto di accesso al locale senza una valida motivazione e quella della celiachia non sembra tale. L’articolo 187 del Regio Decreto n. 773 del 1931 dice che: “Salvo quanto dispongono gli artt. 689 e 691 del codice penale, gli esercenti non possono senza un legittimo motivo, rifiutare le prestazioni del proprio esercizio a chiunque le domandi e ne corrisponda il prezzo”. In sostanza quindi c’è “un generale divieto per gli esercenti di opporre un arbitrario diniego alla libera fruizione dei servizi offerti risultando nulla qualsiasi eventuale clausola pattizia volta ad aggirare siffatto divieto“. Teniamo presente però che un ristorante non è obbligato a proporre alternative valide per celiaci ma questo non vuol dire che il cliente celiaco non possa entrare.

Chi è Valentina gluten Free

Valentina si definisce “Celiaca dal 1989” e racconta la sua esperienza con la celiachia aiutando tutti coloro che soffrono di questa intolleranza a non farne un problema che limiti la libertà come invece è stato per lei. Durante l’adolescenza infatti Valentina ha avuto un rifiuto verso la malattia che l’ha portata ad evitare ogni situazione che prevedesse mangiare insieme ad altre persone. Dopo un primo periodo di rifiuto però inizia a studiare la sia malattia trasformandola in una sua particolarità. Sui social si batte quotidianamente affinché i ristoranti offrano sempre più opzioni Gluten Free.

Francesco Garbo
Francesco Garbo

Sono un cuoco e un giornalista enogastronomico, cucino e parlo di cibo praticamente tutto il giorno. Vino e cibo sono le due vie migliori per conoscere una cultura, in modo gustoso.



Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur