C’è un piatto del Lazio che è un inno alla primavera: è la vignarola, la ricetta dei contadini che viene dalla terra

Marianna Di Pilla  | 25 Mar 2024  | Tempo di lettura: 2 minuti
Vignarola, ricetta della tradizione laziale

La vignarola è un piatto della tradizione culinaria del Lazio che racchiude i sapori e i profumi della primavera. Questa prelibatezza è un tripudio di colori e sapori freschi, che si uniscono in una sinfonia gustativa indimenticabile.
Dolci piselli, croccanti asparagi, morbide fave e saporiti carciofi per formare una vera e propria ode alla primavera. Fenomenale con dei crostini, la vignaiola può essere servita come contorno o come piatto unico.

La storia della vignarola

Quella della vignarola è una ricetta dalla storia molto antica, le cui origini sarebbero da ricercare addirittura al tempo dell’Impero Romano. All’epoca il vignarolo era il contadino, e la vignarola si preparava con le verdure appena spuntate e subito raccolte.
In questo modo si poteva gustare una pietanza che aveva tutti i sapori della terra e al tempo stesso assaggiare gli ortaggi per provarne la qualità prima della vendita.

Vignarola, ricetta classica e ingredienti

Vignarola
È una ricetta della tradizione contadina della zona di Velletri e dei Castelli Romani, i cui ingredienti possono cambiare anche a seconda della stagionalità.
Come spesso accade per le ricette tradizionali, anche per quella della vignarola non prevede una lista di ingredienti e una preparazione unica. Nella versione classica che è primaverile si trovano prodotti di questa stagione dell’anno come carciofi, fave, piselli, lattuga romana e cipollotto.

Ingredienti

  • 500 g di piselli freschi
  • 500 g di fave fresche
  • 300 g di asparagi
  • 4 carciofi
  • 2 cipolle bianche
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 rametto di mentuccia fresca
  • 50 g di guanciale o pancetta
  • Olio d’oliva
  • Sale e pepe q.b.

Preparazione

  1. Iniziare pulendo i piselli e le fave fresche.
  2. Pulire i carciofi eliminando le foglie più esterne, tagliandoli poi a spicchi e immergendoli in acqua e limone per evitare che anneriscano.
  3. Rimuovere la code degli asparagi ed eventuali parti legnose e tagliarli in pezzetti.
  4. Tritate finemente le cipolle e l’aglio.
  5. Soffriggere la cipolla e l’aglio in una padella con un po’ di olio d’oliva fino a quando non saranno traslucidi.Aggiungere il guanciale e far rosolare.
  6. Aggiungere i piselli, le fave e i carciofi nella padella e continuate a cuocere a fuoco medio per circa 10 minuti.
  7. Aggiungere un po’ di acqua e lasciar cuocere per altri 10-15 minuti, fino a quando le verdure saranno tenere ma non sfatte.
  8. Aggiustare di sale e pepe a piacere e aggiungere le foglie di mentuccia fresca.
  9. Servire la vignarola calda, magari accompagnata da crostini di pane croccanti.
Marianna Di Pilla
Marianna Di Pilla


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur